Genoa, hai fatto quattro passi indietro (con tanti auguri)

I pareggi con Chievo e Frosinone, oltre alle sconfitte contro Parma e Udinese hanno impedito la chiusura della pratica salvezza

1872
Marco Liguori (Pianetagenoa1893.net)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Questa sera, miei cari amici genoani da Boccadasse al Mato Grosso, ho pensato che, dopo la sconfitta odierna contro l’Udinese, la situazione del Genoa sia simile a quanto riportato su una carta degli “imprevisti” del Monopoli («Fate tre passi indietro, con tanti auguri»): con l’aggiunta di un passo in più. I quattro passi indietro sono quelli contro Chievo, Parma e Udinese (fuori casa), oltre che Frosinone (in casa): occasioni perse per conquistare punti che avrebbero praticamente chiuso la pratica salvezza. E invece niente di tutto questo: sono state quattro gare che hanno presentato tutte un denominatore comune, la mediocrità dei rossoblù. Queste prestazioni per niente convincenti, sono state intervallate dall’esaltante vittoria contro la Juventus al Ferraris: purtroppo un fuoco fatuo.

La gara del Dacia Arena era iniziata sotto auspici non molto positivi. Il modulo scelto 4-4-1-1 (in pratica 4-5-1, visto che Sturaro era un mediano aggiunto e non un trequartista) con centrocampisti “pesanti” senza troppa velocità ha fatto incassare al Grifone un gol in contropiede dopo soli 4 minuti. A proposito di contropiede: è stato un altro errore della Prandelli jazz band quello di accettare di tenere palla e lasciare agire gli avversari con azioni rapide. La truppa di Tudor sapeva agire in un solo modo e non chiedeva di meglio. E ci mancava anche il diverbio nello spogliatoio: nomi dei coinvolti a parte, bisognerebbe pensare anche alle motivazioni. Sono vecchie ruggini o fatti recenti? Nel primo caso ci sarebbe da preoccuparsi: Prandelli ha annunciato provvedimenti a breve.

Il Grifone ha nove punti sul Bologna terzultimo: domani, in caso di vittoria dei felsinei, bisognerà fare corsa sull’Empoli (sconfitto dalla Juventus) che sarà a -8 dai rossoblù. Comunque, nove punti non è un distacco incolmabile, considerato il calendario del Genoa. Le prossime tre gare (Inter in casa, trasferta a Napoli e poi il derby) non saranno una passeggiata: a meno che non sfoderino le prestazioni viste contro Lazio e Juventus. Se lo augurano tutti i tifosi: passo e chiudo!

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.