GAZZETTA DELLO SPORT – «Non c’è associazione tra club e giocatori colpiti da Sla»

L'Istituto Mario Negri ha spiegato in un nuovo studio sulla malattia che «sono numeri piccoli e non fanno statistica»

454
Gianluca Signorini, il capitano del Genoa morto per la Sla nel 2002

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«Non abbiamo dati su una connessione tra Sla, calcio e doping». E’ la conclusione, spiegata dalla dottoressa Elisabetta Pupillo alla Gazzetta dello Sport, del nuovo studio sulla Sla dell’Istituto Mario Negri di Milano. «In altri sport – prosegue la ricercatrice – dove il doping è diffuso in maniera massiccia, non abbiamo riscontrato anomale diffusione di Sla». Nella triste classifica dei club colpiti dalla terribile malattia ci sono Como e Sampdoria con 5 casi, seguite da Fiorentina, Genoa, Lecco e Roma con 4, «ma sono numeri bassi e non fanno statistica. In più i giocatori si spostano da un club all’altro. Per noi non c’è alcuna associazione tra le squadre in cui i calciatori hanno militato e l’insorgenza del male» afferma la dottoressa.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.