Calcagno: «Abbiamo ribadito alla Lega che riteniamo che non sia giusto alle 16.30»

Il vicepresidente Aic: «Speriamo che non si debba litigare, perché dobbiamo tutelare i ragazzi che sono tornati da un lungo periodo di inattività»

445
Calcagno AIC
Umberto Calcagno, vicepresidente AIC (foto di AIC)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«Abbiamo ribadito alla Lega che riteniamo che non sia giusto in Italia giocare alle 16.30 con le temperature che ci saranno a breve nel nostro Paese». Umberto Calcagno, vicepresidente dell’Associazione italiana calciatori, ha sottolineato ai microfoni del TG Sport di Rai 2 la sua contrarietà a giocare nei torridi mesi estivi alcune gare di Serie A alle 16.30. «Speriamo che non si debba litigare, perché dobbiamo tutelare i ragazzi che sono tornati da un lungo periodo di inattività. Speriamo di trovare una soluzione comune al più presto» ha concluso.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.