Ballardini: “Il Genoa non meritava di perdere”

"Ho contato 20 tiri in porta e 4-5 occasioni da gol" ha spiegato il tecnico rossoblù nella conferenza stampa

109
Davide Ballardini al termine di Genoa-Udinese 28 gennaio, 2018 (Foto Emilio Andreoli/Getty Images)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

“Per me oggi il Genoa non meritava di perdere. Ha giocato bene: l’Udinese è una squadra forte, ma il Genoa non è da meno. Abbiamo disputato una buona partita”. Davide Ballardini ha commentato così la prestazione dei suoi giocatori, nonostante la sconfitta subita. “Ho contato 20 tiri in porta e 4-5 occasioni da gol” aggiunge il tecnico rossoblù. Il tecnico mette però in guardia la squadra, poiché non è ancora finita la lotta per non retrocedere: “Questo risultato ci fa però capire che dobbiamo restare sul pezzo”.

Secondo il tecnico “non lo so se ci sia questa necessità” riferendosi a un ulteriore giocatore in attacco: “Per caratteristiche e per numero non c’è bisogno. Poniamo la nostra attenzione sul centrocampo: occorre un giocatore diverso dalle caratteristiche di quelli che abbiamo”. Tuttavia  la squadra sembra non aver mostrato la cattiveria sfoderata spesso in altre occasioni: “Può essere che non c’era quella determinazione. Però non ho tanto da rimproverare alla squadra. Bisogna considerare che, se davanti abbiamo delle difficoltà, il Genoa concede davvero poco agli avversari: oggi Perin è stato chiamato poche volte a fare il suo mestiere. Abbiamo davanti giocatori che si danno da fare: siamo stati bravi e fortunati in altre occasioni, oggi abbiamo creato 4-5 occasioni senza segnare. Però sottolineerei un aspetto: questa squadra segnava poco, però subiva qualche gol. Qualche problema però c’era, c’è e ci sarà. Squadra già salva? No, qui nessuno si sente tranquillo”.

Hiljemark oggi era in tribuna, può fare al caso o occorrerà un altro centrocampista? “Noi abbiamo centrocampisti che sono forti, resistenti e con senso tattico: mi riferisco a Rigoni, Veloso e Bertolacci. Occorrerebbero giocatori che hanno una sensibilità, giocate e una gamba diverse rispetto a loro. Se verrà Hiljemark, lui ha una gamba diversa”.

Oggi sono stati schierati in campo, contro i prestanti difensori dell’Udinese, due giocatori non molto potenti come Lapadula e Pandev: “Non è stata una scelta – prosegue il mister – perché occorreva far girare la palla più velocemente e allargare gli avversari, in modo da giocare la palla dentro e attaccare la porta. Oggi è però successo che siamo stati un po’ lenti nel muovere la palla, contro l’Udinese che ha molta qualità”.

Battuta finale su Rigoni che ha sbagliato l’occasione sotto porta: “Lui ha quel tipo di inserimenti ed è bravissimo a farlo. Ricordo che in altre occasioni da gol come a Crotone ha segnato. Non mi arrabbio per questo”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.