Lettera/Marco Facco: “I pochi gol del Genoa? Non è colpa degli attaccanti”

Per il lettore è la scarsa qualità di esterni e centrocampisti che non sanno servire le punte

95
Lapadula Genoa
Lapagol (foto di Genoa Cfc Tanopress)
Vi esprimo alcune considerazioni sui problemi del gol che ha il Genoa, se volete aprire un confronto di opinioni coi tifosi.
Si legge e si scrive da tempo che  il Genoa ha problemi in attacco, personalmente non sono d’accordo, i nostri attaccanti sono validi per la fascia di classifica in cui ogni anno ci troviamo, Lapadula sta dimostrando di essere una punta da Genoa, generoso, lottatore e, ora che sta bene, anche finalizzatore;  Rossi deve ancora perdere qualche etto ma quando vede la porta la centra, con una buona preparazione estiva  potrebbe diventare quello che oggi  è Pandev (da confermare per la classe come valida alternativa).
Il problema è un altro: riguarda la scarsa qualità di esterni e centrocampisti che  non sanno servire le punte. In ogni partita si contano innumerevoli cross e lanci sbagliati, facile preda degli avversari. Negli articoli di oggi ho letto elogi su Migliore, dissento, ogni volta che avanzava, palla sul sinistro è stato incapace di puntare l’uomo per andare al cross, si portava la palla sul destro e tornava indietro,  un giocatore volenteroso ma non di categoria, così come Rosi sull’altra fascia, mai una spinta, mai un cross. In tutta la stagione abbiamo visto pochi cross dal fondo, e che dire dei piedi ruvidi di Hjllemark e Rigoni? E Bertolacci non è che abbia nei piedi una gran precisione, con questi scarsi rifornimenti anche  Milito  avrebbe avuto difficoltà a segnare.
In vista del futuro servono esterni più incisivi, non so se Medeiros può diventarlo: la classe c’è, bisogna vedere la tenuta atletica per correre sulla fascia avanti e  indietro. Laxalt andrà via, serve un degno sostituto e  in mezzo qualcuno che possa dirigere la squadra. Veloso è in declino, prima di  cambiare le punte e magari rimpiangere Lapadula come abbiamo fatto con Immobile sarà meglio sistemare altri reparti, in attacco basta una giovane punta centrale di prospettiva come rincalzo (poteva esserlo Pellegri, purtroppo subito venduto).
Cordiali saluti
Marco Facco – Genova
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.