Sartori: “Il nostro obiettivo per la panchina era Gasperini”

Il direttore sportivo dell'Atalanta spiega com'è ricaduta la scelta sull'ex tecnico del Genoa

62
Gian Piero Gasperini (Getty Images)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

“L’ipotesi Maran è stata reale fino ad un certo punto”. In un’intervista a BergamoNerazzurra Giovanni Sartori, direttore sportivo dell’Atalanta, spiega com’è avvenuta la scelta per il nuovo allenatore conclusasi con l’ingaggio di Gian Piero Gasperini dal Genoa. “Siamo partiti con Stramaccioni – prosegue il dirigente bergamasco –  poi siamo passati a Prandelli, Ventura e via via altri 5-6 nomi”. Sartori ammette: “E’ vero che con Maran c’è stato un contatto, ma appena abbiamo capito che si era aperta la porta Gasperini abbiamo cercato di concludere con lui. In pochi giorni abbiamo trovato l’accordo e abbiamo aspettato che si liberasse. L’obiettivo nostro era Gasperini”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.