ESCLUSIVA PG, Felisatti: “Antenucci bomber a sorpresa. Spal a Genova per fare risultato”

"Non mi aspetto una partita particolarmente spettacolare, perchè la posta in palio è importante e uscire con zero punti potrebbe essere un duro colpo"

83
Genoa
Izzo, Antenucci e Rossettini (Foto Mario Carlini / Iguana Press/Getty Images)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Sarà la Spal di Leonardo Semplici il prossimo avversario da battere tra le mura del Ferraris per il Genoa. Gli spallini vengono da un’incoraggiante serie di risultati positivi che le ha visti strappare anche un punto alla capolista Juventus, il Genoa invece è reduce da due sconfitte arrivate nel finale di gara ed è costretto a riscattarsi davanti al proprio pubblico con l’obiettivo di allargare ancora le distanze dal baratro della Serie B. Per parlare dell’importante scontro salvezza di sabato i microfoni di Pianetagenoa1893.net hanno raggiunto il redattore de Lo Spallino.com, Costantino Felisatti. Ecco le sue dichiarazioni.

 

La Spal è reduce da un importante pareggio in casa contro la Juventus. Con questo grande risultato alle spalle, come si presenterà sabato al Ferraris?

 

“Sicuramente si presenterà con il morale alto. La pausa delle nazionali non ci voleva, ma non penso sia un grosso problema. I giocatori sanno quale sia l’obiettivo da raggiungere, quindi non credo potranno farsi influenzare da qualche giorno di pausa o di lavoro a gruppo non completo. La Spal arriverà a Genova con il morale a mille e con l’intenzione di fare almeno un punto”

 

Semplici adotterà qualche cambiamento rispetto agli undici titolari scesi contro la Juventus? 

 

“Sicuramente non ci sarà Kurtic perchè squalificato. Al suo posto potrebbe giocare Everton Luiz, che è un giocatore diverso da lui: Kurtic magari abbina qualità e quantità, mentre Luiz è un giocatore più dinamico, quindi magari il pallino del gioco potrebbe essere nelle mani di Schiattarella, che in questo momento è il titolare al centro di un centrocampo a cinque ed è inamovibile. Negli altri reparti penso non ci saranno cambiamenti, anzi, tenderei proprio ad escluderli. Meret è il titolare al momento, la difesa ha trovato la sua quadratura con Cionek, Vicari e Felipe nella difesa a tre, sugli esterni Lazzari non ha ancora saltato una partita quest anno e dubito che lo farà contro il Genoa. A sinistra Costa è l’unico, perchè Mattiello è ancora un po’ acciaccato e Dramè si è appena infortunato e non ci sono alternative; In attacco hanno fatto bene Paloschi e Antenucci e saranno sicuramente titolari”

 

Il Genoa non ha un vero e proprio attaccante di riferimento, mentre la Spal può contare su un giocatore come Antenucci

 

“Antenucci sta vivendo un momento magico in Serie A. In realtà lui è un bomber a sorpresa, perchè le aspettative erano riposte in Borriello, che è partito bene, ma che poi si è un po’ perso e ora è fermo ai box per infortunio e non lo vedremo per qualche settimana. Antenucci si è ritrovato ad essere il titolare inamovibile perchè da alla squadra quello che nessun altro giocatore in rosa può dare in attacco: profondità, imprevedibilità, movimento. Paloschi si completa con lui molto bene per caratteristiche. È un giocatore da area di rigore, generoso e che si è calato nei meccanismi della squadra dopo un inizio un po’ difficoltoso, però i titolari sono loro. L’alternativa è Floccari che Semplici ha usato più a gara in corso che da titolare”

 

 

Sabato si affronteranno il terzo peggior attacco contro la terza peggior difesa. Cosa bisogna aspettarsi da questa partita?

 

“Mi aspetto una partita abbastanza chiusa, perchè la Spal ultimamente fuori casa fa partite molto più accorte di prima. Prima capitava spesso di vederla prendere gol dopo pochissimi minuti se non addirittura nei primi cinque, ma da un po’ di tempo a questa parte la Spal è stata molto più attenta, quindi magari più attendista contro il Sassuolo dove ha curato molto la fase difensiva pur non risparmiandosi in attacco visto che andava ad affrontare una squadra in difficoltà. Il Genoa viene da due sconfitte consecutive, ma non mi sento di dire che sia una squadra in difficoltà, sta facendo quello che deve fare in questo momento. Ballardini è stato chiamato per salvare il Genoa e direi che lo stia facendo con solidità. Diciamo che un pareggio potrebbe andare bene ad entrambe, più alla Spal che al Genoa, che con una vittoria andrebbe fuori dalla corsa salvezza. Non mi aspetto una partita particolarmente spettacolare, perchè la posta in palio è importante e uscire con zero punti potrebbe essere un duro colpo, perchè poi ci sono i recuperi ed è sempre meglio evitare di perdere contatto, soprattutto per la Spal che al momento non può permettersi di perdere il contatto con Sassuolo, Cagliari, Chievo e Crotone. Non mi aspetto una grande partita, nonostante la Spal abbia in attacco le armi per far male”

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.