Giudice sportivo: due giornate a De Rossi. Taarabt diffidato

Il centrocampista della Roma era stato espulso durante la gara col Genoa per aver colpito con uno schiaffo Lapadula. Nel Verona, prossimo avversario del Grifone, stop di un turno a Heurtaux e Fares

52
Giacomelli espelle De Rossi dopo lo schiaffo a Lapadula durante Genoa-Roma 2017 (Foto Paolo Rattini/Getty Images)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Entra in diffida Adel Taarabt: è la decisione del giudice sportivo dopo l’ammonizione rimediata contro la Roma. L’attaccante del Genoa rischia dunque una squalifica automatica per una giornata al prossimo cartellino giallo nelle gare di campionato: gli altri due diffidati rossoblù sono Rossettini e Veloso. Invece è stato squalificato per due giornate De Rossi per “condotta gravemente antisportiva per avere, al 24° del secondo tempo, durante un’azione, con il pallone non a distanza di giuoco, colpito con uno schiaffo al volto un calciatore della squadra avversaria, senza procurargli danni fisici” si legge sul comunicato della Lega di serie A. Il centrocampista della Roma era stato espulso durante la gara col Genoa per aver colpito con uno schiaffo Lapadula.

Ecco gli altri squalificati per una giornata: Heurtaux e Fares (Verona, prossimo avversario del Grifone), Gagliardini e Miranda (Inter), Budimir (Crotone), Torosidis (Bologna).

Ammende a due club: 10mila euro alla Juventus “per avere suoi sostenitori, nel corso del secondo tempo, intonato cori denigratori di matrice territoriale e 3500 all’Inter “per avere ingiustificatamente ritardato l’inizio del primo tempo di circa tre minuti, recidiva” si legge nella nota di Lega.

Infine il direttore sportivo della Lazio Igli Tare è stato inibito sino a tutto il 5 dicembre (con ammenda di 10mila euro) “in quanto al termine della gara, pur non presente in distinta, entrava sul terreno di giuoco affrontando, con fare aggressivo e minaccioso, il Direttore di gara. Comportamento che proseguiva fino a quando quest’ultimo non rientrava negli spogliatoi” conclude il comunicato.

 

 

 

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.