Il mondo Roma è diviso su Totti

Mentre il presidente Pallotta elogia il capitano, Spalletti lo punge nuovamente

73
Francesco Totti (Getty Images)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il rapporto tra Francesco Totti e Luciano Spalletti è sempre stato teso, ai limiti della rottura, tanto da polarizzare l’opinione di Roma su due fronti tra loro opposti: chi sostiene il numero 10, chi sostiene il tecnico di Certaldo (ma a dir la verità sono in minoranza). Anche alla vigilia dell’ultima in giallorosso del Capitano, Lucio ha perseguito la sua linea dura non facendo sconti: dopo una cacciata da Trigoria (febbraio 2016), la polemica post Vilareal, ecco lo show di ieri. Spalletti si è detto fortunato ad averlo allenato, ma poi ha lanciato la staffilata: Francé deve ancora crescere. E’ stato messo davanti agli altri, e non è una qualità da leader, dunque è la Roma che deve vincere e non Totti. Tutto questo, a compendio dell’ultimo forte virgolettato: se la Maggica non ha vinto nulla, è anche per colpa del suo Dieci. Un’onta che a Roma non passa inosservata, l’attacco frontale (ennesimo) in un giorno di pace e festa e nostalgia e ringraziamenti a Totti e addio del Pupone. Il tecnico gli ha poi imputato sei rigori sbagliati consecutivamente (ma furono 7 e non consecutivi, per amor del vero). Dietro a tutto questo astio, il volto rasserenante di James Pallotta: il presidente, lo yankee, quello che appena sbarcato qui ha dovuto fare i conti con una leggenda che da ben più tempo di lui governava la fazione giallorossa di Roma. L’unico rimpianto suo, Pallotta dixit, è di non esser arrivato prima per godersi i primi 20 anni di Francesco. E’ la fine di un capitolo, l’inizio di una nuova era, non ci sarà mai un altro Totti. Tutte frasi che dalle 18 di oggi si tramuteranno in lacrime. Udite udite, Francesco partirà inizialmente dalla panchina: dovrebbe entrare, secondo il copione presunto, a metà gara per gli ultimi 45′. Giusto in tempo per raccogliere l’abbraccio del suo Olimpico, secondo Tuttosport. Sempre che Spalletti non decida di confezionargli l’ennesimo sgarbo.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.