Corriere dello Sport: la “finale di Champions” più attesa

Il tecnico Ivan Juric ha metaforicamente assimilato il derby odierno all'ex Coppa dei Campioni

69
Il gol dell'1-1 di Rigoni nel derby (Photo by Getty Images/Getty Images)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Si crede nella svolta, sebbene i punti in classifica siano sei e i cugini veleggino ben più avanti, a 20 lunghezze. C’è un abisso da colmare, con lavoro e sacrificio, con quel cinismo finora raramente messo in mostra. Soprattutto, c’è una classifica bugiarda da rivendicare: lo ha ripetuto Juric nelle scorse settimane, ma pure Marco Giampaolo ieri non ha mancato di sottolineare come egli stesso si trovasse nella condizione del collega croato lo scorso anno. Non per questo, però, la sua Sampdoria farà sconti a un Genoa si spera gagliardo e determinato.

Il Corriere dello Sport in edicola stamani conferma quanto detto: la “finale di Champions”, metafora evocata da Ivan Juric, non è a rischio sebbene l’allerta maltempo perduri ancora e sia passibile di peggioramenti verso questa sera. Niente interromperà la festa, la madre di tutte le battaglie, il ricordo di Gianluca Signorini (a quasi 15 anni dalla scomparsa, la sua famiglia sarà sugli spalti del Ferrari). Gli ultimi dubbi sollevati dal quotidiano romano verrebbero risolti con Lapadula e Lazovic dal primo minuto (né Galabinov né Rosi, dunque), con un Giampaolo desideroso di veder Quagliarella sbloccarsi a un anno dal rigore sbagliato, con il tipico agonismo che contraddistingue partite del genere. E la svolta, quella che la Genova rossoblù continua a cercare, potrebbe magicamente passare per questa sera.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.