Thiago Motta carica il Genoa: «Facciamo una grande partita di squadra»

«Il Brescia è il passato, per me conta solo la Juventus» spiega il mister del Genoa

1030
Thiago Motta Genoa
Mister Thiago Motta (@OptaPaolo)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Serio come sempre, con un cipiglio più mitteleuropeo che brasiliano. La sfinge Thiago Motta non intimorisce di fronte al nome Juventus: «Il Genoa deve giocare da squadra a prescindere dal possesso della palla. Così possiamo fare una grande partita non solo contro gli otto volte campioni d’Italia». Il concetto di squadra esce spesso dalle labbra del tecnico rossoblù: l’unità d’intenti dimostrata contro il Brescia è la panacea di molti mali. Mister Motta lavora su questo punto debole dal giorno del suo insediamento sulla panchina del Genoa. «Pensiamo a una partita alla volta. Il Brescia è il passato, per me conta solo la Juventus» spiega in conferenza stampa.

Il Grifone farà a meno di Lerager che va ad affollare un’infermeria piuttosto intasata con cinque giocatori indisponibili. E’ proprio il centrocampo il reparto che più incuriosisce nella gestione di Thiago Motta: mentre Radovanovic fa il metodista davanti alla difesa, Schöne e l’opposto a sinistra sono i mediani deputati a coprire le scorribande offensive dei terzini, impigati a tutta fascia con le ali che convergono al centro. Una fluidità di manovra che ha colpito persino Sarri che in tale aspetto è un maestro: «Il palleggio che chiede Thiago Motta ha trovato terreno fertile lasciato da Andreazzoli, due allenatori simili da questo punto di vista. La qualità tecnica del Genoa è sorprendente in relazione alla classifica».

Il Grifone farà visita alla capolista con la migliore formazione possibile: «Il turn over ha poco significato per me – ha spiegato Thiago Motta – manderò in campo quelli che reputo i migliori undici. Ci giocherà dovrà dimostrare di essere pronto per questa squadra». Un anno dopo l’1-1 realizzato da Bessa il Genoa tenta un nuovo colpaccio all’Allianz Stadium e chissà se la sfinge Motta crede nella cabala magari lanciando un nuovo Romero che folgori l’attenzione della Serie A.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.