Superlega: nove club “abiurano”. Juventus, Real e Barcellona deferite alla giustizia Uefa

Invece Milan e Inter rientrano tra le società che hanno riununciato al progetto

741
Uefa Europei

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

L’Uefa ha reso noto in un comunicato sul sito ufficiale che «in uno spirito di riconciliazione, e per il bene del calcio europeo, nove dei 12 club coinvolti nel progetto della cosiddetta “Super Lega’ hanno inviato alla UEFA una “Dichiarazione di Impegno dei Club”, definendo la posizione dei club e il loro impegno verso le competizioni UEFA per club e le competizioni nazionali per club». I nove che hanno rinunciato al progetto sono: Arsenal, Milan, Chelsea, Atlético Madrid, Inter, Liverpool, Manchester City, Manchester United e Tottenham Hotspur. Le società “pentite” «ammettono e accettano che il progetto della Super Lega era un errore – prosegue la nota – e chiedono scusa a tifosi, federazioni, leghe, club europei e alla UEFA. Riconoscono anche che il progetto non sarebbe stato autorizzato ai sensi degli Statuti e Regolamenti UEFA».

Ciascuno dei nove club:

  • riconosce e accetta senza riserve la natura vincolante degli Statuti UEFA
  • rimarrà impegnato e parteciperà a tutte le competizioni UEFA per club in tutte le stagioni in cui la squadra centrerà la qualificazione per meriti sportivi
  • rientrerà a far parte dell’Associazione Club Europei, unico organo di rappresentanza dei club riconosciuto dalla UEFA
  • prenderà tutte le misure in proprio potere per porre fine al proprio coinvolgimento nella società creata per formare e gestire la Super League e cessare qualsiasi azione legale esistente
  • come gesto di buona volontà, e insieme agli altri club, farà una donazione per un totale di 15 milioni di euro, da utilizzare a beneficio di bambini, giovani e calcio di base nelle comunità locali in tutta Europa, compreso il Regno Unito
  • sarà soggetto alla trattenuta del 5% dei ricavi che avrebbe ricevuto dalle competizioni UEFA per club per una stagione, che verranno ridistribuiti
  • accetterà l’imposizione di sanzioni consistenti nel caso in cui prenda parte a una tale competizione non autorizzata (100 milioni di euro) o violi qualsiasi altro impegno assunto nella Dichiarazione d’Impegno del Club (50 milioni di euro)
  • fornirà impegni individuali alla UEFA sull’accettazione di tutti i principi e i valori stabiliti nel Memorandum d’Intesa 2019 tra la UEFA e l’Associazione dei Club Europei

Invece, nei confronti dei tre club (Juventus, Real Madrid e Barcellona) che non hanno fatto un passo indietro rispetto al progetto, l’Uefa «si è riservata tutti i diritti di intraprendere qualsiasi azione che ritenga appropriata». Bianconeri, merengues e blaugrana saranno deferiti «ai competenti organi disciplinari della UEFA» conclude il comunicato.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.