SportWeek: quando Lavezzi andò a un passo dal Genoa…

E Preziosi trattò Messi al Como

1306
Lavezzi in allenamento con l'Hebei (Dal profilo Twitter del giocatore)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Nei giorni in cui si parla soltanto di Cristiano Ronaldo trasferitosi alla Juventus in pompa magna, il clamore mediatico è catalizzato verso un affare che riporta in auge l’appeal della Serie A. Tuttavia l’affare CR7 col Real Madrid sarebbe potuto improvvisamente chiudersi con un niente di fatto, come accaduto in altre occasioni passate stamani in rassegna da SportWeek: così, tra Kylian Mbappé al Chelsea, Cristiano Ronaldo al Parma e Harry Kane al Livorno, ecco un po’ di Genoa nella top 5 dei trasferimenti mancati.

Correva l’anno 2005, il Genoa di Enrico Preziosi aveva in mano Ezequiel Lavezzi e già il Ferraris ansimava all’idea di ammirare le prodezze de El Pocho argentino. Attaccante abile e rapido, chioma folta ma pure qualche chilo di troppo, nelle intenzioni dirigenziali sarebbe stato lui il volto nuovo per celebrare il ritorno in A del club più antico d’Italia. Mai però Lavezzi vestirà rossoblù, perché l’estate avrebbe portato in dote al Genoa la retrocessione in Serie C comminata dalla giustizia sportiva. Così l’argentino avrebbe atteso due anni per passare in Italia, dal San Lorenzo de Almagro al Napoli, e il Grifone nello stesso lasso di tempo sarebbe tornato in B.

E che dire di quella volta in cui Enrico Preziosi, al Como, concesse un provino a tale 15enne Leo Messi? Alla fine non si fece nulla, La Pulga se ne tornò a casa sconsolata ma mai quanto l’imprenditore avellinese oggi. Già, perché al Barcellona qualcuno aveva fiutato l’affare…

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.