Ruotolo: «Il Genoa fa parte della mia vita»

L'ex giocatore, ora allenatore dell'Under 18 rossoblù, si racconta al sito del Grifone: «Grazie alla società e al responsabile delle giovanili, Michele Sbravati, per avermi dato il modo di rientrare in questa grande famiglia»

647
Gennaro Ruotolo, tecnico del Genoa Under 18 (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«Grazie per l’opportunità che mi ha riservato la Federazione. Il Genoa fa parte della mia vita». Gennaro Ruotolo si racconta al sito ufficiale del Genoa in una intervista su tanti argomenti: dalle piattaforme di comunicazione della F.I.G.C., Settore Giovanile e Scolastico, sino ai campioni che hanno fatto la storia delle squadre e delle nazionali. Ma ovviamente parla soprattutto del suo grande amore per il Grifone e del suo incarico di allenatore dell’Under 18. «Grazie alla società e al responsabile delle giovanili, Michele Sbravati, per avermi dato il modo di rientrare in questa grande famiglia» aggiunge l’ex giocatore che ha indossato la maglia del club più antico d’Italia dal 1988 al 2002, con cui ha ottenuto ben 444 presenze.

Riguardo all’Under 18 spiega la sua metodologia di allenamento: «Ai ragazzi provo a trasferire il mio modo di pensare: voglia, dedizione e obiettivi da porsi. L’importante è avere la volontà di crescere, io stesso apprendo sempre qualcosa da loro. Amore e passione per il proprio lavoro, perché niente nasce dal nulla. Il livello del campionato Under 18 è stato elevato, peccato solo per l’interruzione. Ho apprezzato poter vivere dall’interno questo progetto che può dare molto al calcio giovanile».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.