Roberto Spinelli: «Preziosi stanco delle proteste, la volontà di vendere è reale»

L'ad della Spinelli Group e figlio dell'ex presidente rossoblù Aldo: «Credo che sia abbastanza stressante vivere in un ambiente in contestazione»

3685
Roberto Spinelli (Foto da Primocanale)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«Credo che sia abbastanza stressante vivere in un ambiente in contestazione e quindi la sua volontà di vendere sia reale». Roberto Spinelli, amministratore delegato della Spinelli Group e figlio dell’ex presidente del Genoa Aldo (ora al Livorno), spiega a “Gradinata Nord” su Primocanale il suo punto di vista sulla contrapposizione tra Enrico Preziosi e gran parte dei tifosi, oltre ad altri temi in rossoblù.

PIATEK – «Bisogna vedere se Preziosi poteva tenerlo sino a giugno. Ad esempio Skuhravy non lo abbiamo venduto quando abbiamo avuto offerte stratosferiche da Olympique Marsiglia e da Berlusconi: forse è stato un errore poiché lo abbiamo tenuto e con quei soldi della cessioni saremmo potuti ripartire».

PROTESTE «C’è contestazione ovunque: è molto difficile fare calcio oggi». E aggiunge un ricordo di quando era contestato suo padre: «Ricordo la camionetta della Polizia sotto casa».

APPELLO AD ANDARE AL FERRARIS – «La squadra è ciò che conta, la tifoseria è importante della squadra. I giocatori hanno bisogno della Gradinata Nord»

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.