Prandelli. “Cambiando sistema di gioco abbiamo avuto più sicurezza”

Il tecnico del Genoa in conferenza stampa dopo la gara col Sassuolo: "Abbiamo optato il sistema di gioco usato ad Empoli: siamo stati bravi e capaci nel conquistare campo"

1275
Prandelli
Mister Prandelli (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

“Qualche difficoltà l’abbiamo trovata. Soprattutto sugli esterni dovevamo stare più alti”. Cesare Prandelli ha svolto la disamina di Genoa-Sassuolo nella sala stampa del Ferraris. “Dobbiamo però riconoscere – prosegue il tecnico rossoblù – che avevamo davanti una delle squadre che possiede il miglior palleggio d’Italia e costruisce dal basso. Dovevamo avere più coraggio: ma il coraggio ti viene quando c’è sicurezza. La sicurezza è venuta quando abbiamo cambiato e abbiamo optato il sistema di gioco usato ad Empoli: siamo stati bravi e capaci nel conquistare campo. Nella fase centrale del secondo tempo abbiamo avuto delle buone opportunità, ci abbiamo anche creduto e abbiamo lottato sino alla fine e abbiamo ottenuto un punto molto importante”.

LERAGER, RADOVANOVIC E SANABRIA – “Per quanto riguarda Lerager ha una importante attitudine a sapersi inserire bene. Per quanto riguarda Radovanovic ho avuto la possibilità di scegliere un giocatore così, proprio per le caratteristiche che ha: è chiaro che arrivando da pochi giorni, anche gli altri devono conoscere quali caratteristiche ha. Spesso veniva a prender palla, ma dobbiamo lavorare su questo per trovare altre soluzioni. Per quanto riguarda Sanabria, sappiamo che in area di rigore è un giocatore molto interessante: dobbiamo cercare di coinvolgerlo di più nella manovra”.

MODULO 4-2-3-1 CORRETTO – “Il sistema di gioco che si può avere in testa lo si può provare, ma poi diventa come un abito: ti piace, lo metti, poi magari è un po’ scomodo. Quindi, la perfezione non può esserci: dobbiamo cercare di valorizzare i giocatori che abbiamo e metterli anche nelle soluzioni giuste”.

BIRASCHI – “L’ho visto molto bene, è in ripresa. Rispetto ad altre partite accorciava meglio. Per quanto riguarda la squalifica (NDR: di Romero) avremo tempo per pensarci. Abbiamo giocatori che stanno lavorando bene, come lo stesso Koray (Ndr: Gunter)”.

CRESCITA DIFESA A QUATTRO – “Sì, ma dobbiamo essere più bravi nello scivolare meglio sugli esterni, però abbiamo migliorato rispetto ad Empoli. Siamo stati molto più vicini alla linea di centrocampo: sono convinto che possiamo migliorare molto”.

MODULO – “All’inizio doveva essere un 4-3-3 però sia Cri che Lazo (NDR: Kouamé e Lazovic) erano un po’ troppo bassi. quindi non riuscivamo a chiudere le azioni degli avversari, per quello abbiamo optato per quello un altro sistema di gioco”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.