La Procura Federale ha verificato il pieno rispetto del Protocollo Covid da parte del Genoa

Paolo Zeppilli, presidente della Commissione medica federale: «Il Protocollo ha già dimostrato la sua efficacia, l’attenzione è massima, così come dall’inizio della ripresa dell’attività durante il lockdown»

1061
Pegli Pio XII Genoa
Cancelli aperti al Pio XII di Pegli (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

A seguito delle notizie sulle positività di alcuni tesserati del Genoa, la FIGC rende noto che la Procura Federale ha verificato il pieno rispetto del Protocollo Covid per il Calcio Professionistico da parte della Società.

A tal proposito, la Commissione Medica Federale, nella persona del suo presidente Paolo Zeppilli, è in stretto e continuo contatto con i medici del Genoa Pietro Gatto e del Napoli Raffaele Canonico, per monitorare al meglio la situazione, in attesa dei risultati degli ulteriori test molecolari cui si sono sottoposte le due squadre. «Le positività sono state riscontrate – dichiara Zeppilli – e monitorate in stretta sinergia con la ASL locale; il Protocollo ha già dimostrato la sua efficacia, l’attenzione è massima, così come dall’inizio della ripresa dell’attività durante il lockdown. I Club stanno manifestando grande scrupolosità e disponibilità, tanto da prevedere controlli ancora più stringenti (tamponi ogni due giorni), rispetto alle disposizioni attualmente in vigore. Inoltre, applicando il principio della massima cautela, nella giornata odierna il Napoli ha eseguito una sessione di allenamenti individuali per chi ha giocato domenica e comunque “distanziati” per coloro che non hanno giocato e non sono venuti a contatto con i calciatori del Genoa».

Tratto da Figc.it

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.