GRIFO D’ATTACCO – Genoa, deja-vu

La scriteriata gestione dei cartellini di Giua non deve oscurare la grande partita dei rossoblù

2418
Agudelo Thiago Motta Andreazzoli Preziosi oscar Criscito Genoa Var Prandelli Nuti Juric Ponte Morandi Genoa Piatek
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Un Genoa fiero e gagliardo cade a Torino contro la Juventus soltanto con un rigore in extremis di Cristiano Ronaldo. Parleremo del momento rossoblù con Beppe Nuti, direttore artistico e responsabile dello sport di Antennablu, nella 144ª puntata della rubrica di Pianetagenoa1893.net “Grifo d’Attacco”.

Diceva correttamente nell’ultimo nostro articolo: difendersi a Torino è come suicidarsi. L’ha pensata così anche Thiago Motta. «Il mister ha dimostrato di avere coraggio e acume tattico perché la Juventus perde molto senza Chiellini. Così Thiago ha messo Pandev, Pinamonti e Kouamé dal primo minuto. Ho visto una squadra tecnica e in fiducia, sconfitta solo da un rigore a mezzanotte causato da un’ingenuità di Sanabria».

Schöne illuminante in regia assistito da due mastini come Agudelo e Cassata, finché ha potuto giocare… «Ottimo il danese che finalmente è nel suo ruolo naturale. Schöne ha giocato con personalità e qualità su un palcoscenico importante come l’Allianz Stadium. Agudelo è una bella scoperta di Thiago Motta: il Genoa teneva in cantina un vino pregiato. Mi gusto la loro prestazione e quella del collettivo. Purtroppo la scriteriata gestione dei cartellini di Giua – che non arbitrava dal 29 settembre – ha inciso sulla partita: andava espulso Rugani per il fallo su Pinamonti (estremi per la chiara occasione da rete), e non Cassata. E’ un deja-vu».

Kouamé è il miglior centravanti del Genoa? «In questo momento sì ma andiamoci cauti, l’ivoriano deve dimostrare di avere almeno quindici gol nel sangue. Sta nei fatti, però, che è già a quota cinque senza calciare nemmeno un rigore (come Dzeko, Berardi e Zapata). Mi dispiace che Sanabria sia stato protagonista ancora una volta in negativo: l’unica critica che smuovo a Thiago Motta sono gli inserimenti inconsistenti del paraguagio e di Radovanovic».

Domenica sarà il turno dell’Udinese con Tudor a rischio esonero. «Preferisco il realismo, senza cadere in facili entusiasmi. Il Genoa deve dare continuità alle prestazioni che si sono viste con Brescia e Juventus facendo risultato contro i friulani che hanno incassato undici gol in due partite. Con Thiago Motta migliorerà molto il rendimento in trasferta».

Beppe Nuti | Alessandro Legnazzi

RIPRODUZIONE DELL’ARTICOLO CONSENTITA SOLO PER ESTRATTO PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE: WWW.PIANETAGENOA1893.NET

Clicca qui per leggere il precedente numero del Grifo D’Attacco

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.