Genoa in credito con la fortuna: a Cagliari per fare punti

La squadra di Andreazzoli gioca a calcio con una mentalità ambiziosa

1414
Kouamé Genoa
Christian Kouamé (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Tra le squadre che hanno meglio impressionato nei primi 270′ di stagione compare sicuramente il Genoa. La squadra di Andreazzoli, risorta dalle ceneri della scorsa stagione, gioca a calcio con una mentalità spiccatamente ambiziosa che di per sé è portatrice anche di effetti collaterali. L’esempio è fresco di memoria: ultimo dei cinque minuti di recupero con l’Atalanta. Criscito decide di crossare l’ultimo possesso verso un attaccante anziché speculare e far passare secondi. Sul capovolgimento di fronte il Genoa è ben messo ma incassa il bellissimo gol Zapata. Il capitano non può avere colpe se esegue (e si sente di eseguire) le direttive del tecnico.

La propensione offensiva del Genoa non è scriteriata. Finora Andreazzoli ha sempre schierato una squadra razionale, equilibrata ed elastica: le tre caratteristiche che i docenti dell’università di Coverciano insegnano ai corsisti futuri allenatori. Un Grifone che, insomma, gioca con la testa e fa correre la palla al ritmo del suo cuore. Succederà un Zapata bis? Probabile ma è altresì vero – meglio, statisticamente realizzabile – che il Genoa potrà risolvere a proprio favore una partita, o più di una, all’ultimo respiro. L’ultima volta che ci riuscì fu nel febbraio scorso, in modo piuttosto estemporaneo, contro la Lazio. L’attuale credito con la fortuna è esigibile senza necessità di exequatur.

Picchiare la spalla alla dea bendata è un esercizio tutto sommato facile dopo l’amarezza di domenica. Sarà più difficile, per i calciatori rossoblù, fare punti sull’isola contro un Cagliari ritemprato dopo il blitz di Parma. I sardi, che non avranno Cragno, Nainggolan e Pavoletti (la spina dorsale), sono una squadra carica di aspettative dopo il poderoso mercato estivo. La fibrillazione mediatica, però, è mentalmente dannosa in assenza di risultati. Per gli uomini di Maran, così come per il Genoa, la sfida di venerdì sarà un test definitivo sulla dimensione e sulla personalità di squadra.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.