Genoa, buco al centro: Spolli e Zukanovic le certezze

Rossettini ha un contratto di due anni ma con la cifra giusta può essere ceduto, così come Izzo o El Yamiq in prestito. Invece Biraschi deve risolvere il dubbio posizionale

2323
Genoa
Izzo, Antenucci e Rossettini (Foto Mario Carlini / Iguana Press/Getty Images)

Il mercato è in costante divenire. Quello del Genoa, come di ogni altro club di Serie A. Il Mondiale e la poca disinvoltura economica a livello generale complica l’agevolezza delle trattative. Ciononostante il Grifone, che si radunerà a Pegli il prossimo 6 luglio, sarà rivoluzionato per l’ennesima volta da Preziosi: hanno già salutato in sei (Perin, Rosi, Rigoni, Cofie, Taarabt e Gentiletti) a fronte di quattro rinforzi certi (Criscito, Marchetti, Piatek e Radu). Ne arriveranno altri, come Callegari e Valietti, e ne saranno ceduti altri, come Laxalt che non ha nascosto la sua voglia di nuova vita.

Dando uno sguardo alla difesa i centrali al momento sicuri della permanenza in rossoblù sono solo due: Spolli, il cui rinnovo è atteso da settimane, e Zukanovic. Per il bosniasco occorre aspettare il comunicato ufficiale della Roma, che da società quotata in borsa dovrà indicare la cifra del riscatto del Genoa. Due pedine importanti per Ballardini, addirittura l’argentino è stato il miglior giocatore della scorsa stagione secondo i nostri lettori. Al di là di Spolli e Zukanovic, però, regna l’incertezza del calciomercato.

Rossettini ha un contratto valido ancora per due anni ma con la cifra giusta può essere ceduto: dopotutto in rosa ci sono già difensori con le medesime caratteristiche. Izzo può essere la seconda (o terza) cessione di lusso, piace in Premier League ma non solo. Anche El Yamiq ha mercato: il Genoa continua a credere nel marocchino ma l’ipotesi prestito per un anno non è del tutto fantascientifica. Su Biraschi, invece, va risolto il dubbio posizionale: vuole proseguire la carriera da laterale oppure cercherà di fare il salto di qualità da centrale? Nella prossima stagione il ruolo di terzino destro sarà di Pereira, Lazovic, Valietti o Thomas Rodriguez: la corsia è intasata. Ecco perché Biraschi servirebbe più in mezzo anche perché a due settimane dal raduno i centrali sicuri della permanenza sono solo Spolli e Zukanovic.