ESCLUSIVA PG, Maggi: “Genoa, complimenti. Bellich è un grande acquisto”

Filippo Maggi, redattore di FS ed esperto di calcio giovanile, ha delineato in esclusiva un quadro sul nuovo acquisto rossoblù

6232
Marco Bellich (Foto sito ufficiale Novara calcio)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

La notizia dell’acquisto di Marco Bellich da parte del Genoa è stata riportata nella serata di ieri, vista la decisione del promettente calciatore di non rinnovare il suo contratto in essere col Novara. Per fare chiarezza sulle qualità del nuovo rinforzo del Grifone, dunque, PianetaGenoa1893.net ha contattato in esclusiva Filippo Maggi, redattore di Football Scouting ed esperto di calcio giovanile.

Innanzitutto, come dipingerebbe un ritratto di Bellich?
Marco è un centrale di difesa, classe 1999, molto promettente. Abile nell’impostazione del gioco da dietro, ha sviluppato ottime abilità nel gioco aereo ed è stato la colonna portante del Novara campione di Primavera2. Tuttavia, non potrà giocarvi perché la prima squadra è retrocessa in Serie C e la sua squadra è molto indietro nelle gerarchie per il ripescaggio (in assenza di Cesena, Bari o Foggia dovrebbero essere nell’ordine Ternana, Siena, Reggiana e Pro Vercelli). Quindi, in soldoni, la Primavera del Novara non farà il Primavera1 che s’è guadagnata sul campo.

Fonte: foto di Filippo Maggi, gentilmente concessa

Quali sono secondo lei le caratteristiche per cui il Grifone l’avrebbe scelto?
Dunque, Bellich è impiegabile da centrale di difesa ed è dotato di discrete capacità coordinative. Lo scorso anno giocava coi 1998, lui è un 1999 ma era già un leader. Peraltro Marco vede molto bene la porta, in due anni è riuscito a segnare 7 reti, e poi nell’ultimo anno ha vestito pure la fascia da capitano. È un novarese doc, sin dagli Esordienti milita in Piemonte sebbene avesse giocato anche a Monza e un anno al Milan.

Peraltro, anche suo fratello Luca sembrava un prospetto interessante…
Sì, lui gioca nella terza serie svizzera ed è un classe 1992. Stesso ruolo, difensore centrale, purtroppo non ha mai sfondato nel grande calcio. Condivideva il campo con Faragò e Beltrame: il Genoa potrebbe ricordarsi di quest’ultimo perché oggi gioca in Olanda ma debuttò in Serie A allo Stadium proprio contro i rossoblù. E poi è stato allenato da mister Giacomo Gattuso, tecnico della Primavera attuale e con un passato anche nella prima squadra per un periodo.

Ultima domanda, che prospettive può avere Bellich in Liguria?
Secondo me reciterà il ruolo che ha avuto Altare quest’anno, sarà un fuoriquota e il suo inserimento sicuramente garantirà esperienza alla squadra. Lo vedrei bene in una difesa a tre, accompagnato da Seno e Zanoli: loro sono molto bravi, mi parrebbe strano non vederli titolari.

RIPRODUZIONE DELL’ARTICOLO CONSENTITA SOLO PER ESTRATTO PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE: WWW.PIANETAGENOA1893.NET

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.