ESCLUSIVA PG, FRANCOMACARO: «Insegno i valori della Scuola Genoa in Lituania»

«Il settore giovanile rossoblù non produce solo talenti ma anche tecnici» spiega lo Sciamano

1404
Francomacaro
Cristiano Francomacaro, lo Sciamano (dalla sua pagina Facebook)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Tra le sezioni di Pianetagenoa1893.net ne è prevista una che per Cristiano Francomacaro sembra tagliata da sarto. Genoani nel mondo. Lo “Sciamano” è uno di questi, soprattutto adesso che la sua nuova missione calcistica lo ha condotto lontano da Genova.

Dunque, Francomacaro: nuova vita in Lituania. «Si tratta della mia seconda esperienza all’estero, dopo aver allenato in Bulgaria. Sono il coordinatore tecnico dell’Ateitis, club di Vilnius, nonché allenatore della leva 2006: i lituani hanno strutture ottime e polifunzionali ma devono crescere nel metodo calcistico, sebbene seguano il protocollo dell’Anderlecht. É un bene che il Genoa faccia crescere oltre confine i propri tecnici in modo da sviluppare più conoscenze».

Il Genoa, quindi, come Scuola di formazione e d’esportazione? «Ne sono convinto. Il Grifone può attingere qualsiasi risorsa dalle eccellenze del proprio settore giovanile il quale non produce soltanto calciatori, come dimostrato a Verona, ma anche allenatori qualificati (penso a Torrente, Liverani, Oddo, Juric, ecc.), preparatori e fisioterapisti con competenze richieste a ogni latitudine mondiale».

Qual è il livello di considerazione del Genoa all’estero? «É un club rispettato, il Grifo gode di considerazione internazionale. Noi genoani dovremmo viaggiare maggiormente a petto in fuori e andare fieri della nostra storia, che è conosciuta da tutti nel mondo del calcio».

Invece i lituani come vivono lo sport? «Il punto di riferimento del movimento nazionale è la pallacanestro ma il calcio è in crescita anche da loro: soltanto nella capitale sono attive venticinque accademie. I bambini parlano bene l’inglese, che è la prima lingua oltre a quella madre: è piuttosto facile interagire con loro e con i tecnici locali».

Com’è la situazione Covid-19 in Lituania? «I contagi sono relativamente bassi ma la soglia di attenzione è massima perché la popolazione è di soli 2,5 milioni di abitanti. Il Governo attua il modello UE, preso dalla politica della Merkel, che prevede una linea semaforica zona per zona graduata, dal disco verde (rischio basso) a quello rosso (chiusura totale della città). Fino alla settimana scorsa abbiamo giocato a porte chiuse ma ora il calcio si è fermato, tranne la Serie A, fino all’8 novembre».

Francomacaro, lei è conosciuto come lo “Sciamano” rossoblù: tornerà al Genoa? «Sì, tornerò nella mia Itaca: è una promessa. Per il momento mi considero un genoano in prestito nel mondo».

RIPRODUZIONE DELL’ARTICOLO CONSENTITA PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE: WWW.PIANETAGENOA1893.NET

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.