ESCLUSIVA PG – Bruno Bolchi: «Contento per Nicola, davanti a sé ha un duro lavoro»

L'ex tecnico rossoblù "Maciste": «Sono davvero felice per lui, ha realizzato un sogno, e se lo merita sia come persona che come allenatore»

2102
Nicola Genoa
Mister Nicola (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Lo chiamavano “Maciste”, è stato un pilastro della grande Inter, ed è transitato anche al Genoa in due occasioni da allenatore, tirando fuori il Grifone dalle sabbie mobili della Serie B.
PianetaGenoa1893.net ha intervistato Bruno Bolchi che ha ricordato il suo passato rossoblù: «Allenare questa squadra è difficile, si passa dalle stelle alle stalle a seconda di vittorie o sconfitte. Ho vissuto anche io il periodo della contestazione societaria, e vedevo come i calciatori risentissero di quel clima».
Il Genoa di oggi soffre ancora, seppur in Serie A, tra attriti con la presidenza e una situazione di classifica da bollino nero: «Ho visto l’ultima gara contro l’Inter ed ho assistito ad una prestazione imbarazzante. Non puoi giocare in quel modo, il palleggio e la ripartenza dal portiere con certi tocchi e movimenti, te li puoi permettere se sei il Manchester City».
Quella era la squadra di Thiago Motta, adesso il Vecchio Grifone riparte da mister Davide Nicola, che lo stesso Bolchi ha avuto come giocatore sia in rossoblù che nella successiva esperienza alla Ternana: «Con Nicola ci siamo sentiti spesso, anche se ultimamente gli ho lasciato solo un messaggio nel giorno della sua nomina al Genoa perché so bene che, quando subentri, hai un sacco di lavoro da fare e poco tempo da perdere. Sono davvero felice per lui, ha realizzato un sogno, e se lo merita sia come persona che come allenatore. Ha dimostrato ottime doti in passato».
Basterà un ex giocatore del Genoa come lui per risollevare un ambiente così depresso? «Il fatto che abbia lasciato un grande ricordo nei tifosi sarà sicuramente un motivo in più per ricompattare il tutto e fare quadrato».
Infine un pensiero su altri ritorni, questa volta per la rosa, come quelli di Perin, Behrami e Destro: «Sul portiere, sarei rassicurato se sapessi che Perin possa tornare ai livelli di un paio di stagioni fa. È fermo da molto, parlerà il campo. Destro è un attaccante molto forte, deve solo recuperare mentalmente la fiducia in se stesso».
Infine l’ultimo pensiero di Bolchi sulla volata salvezza: «Nicola avrà molto da lavorare, la classifica è difficile e mettersi alle spalle tutte quelle squadre sarà difficile. Ma ha le doti per farcela».

Bruno Bolchi (Wikipedia)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.