Due precedenti in Coppa Italia col Catanzaro: nessuno a Genova

Nel 1972 vittoria dei giallorossi in Calabria per 2-1, nel 2005 ad Alessandria partita interrotta per intemperanze dei tifosi genoani e 3-0 a tavolino per i calabresi

1027
Corradi Genoa
Sidio Corradi (foto di Genoa CFC Tanopress) autore dell'unico gol del Genoa fatto in Coppa Italia al Catanzaro

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Genoa e Catanzaro mercoledì prossimo tornano a sfidarsi a distanza di 15 anni dall’ultima volta. Anche il precedente del 7 agosto 2005 fu relativo alla Coppa Italia, match valevole per il I turno. Il Genoa, che dopo la promozione in Serie A era stato retrocesso in C1 a seguito dell’illecito col Venezia ed attendeva la sentenza di secondo grado prevista per il giorno successivo, affrontava il Catanzaro ad Alessandria perché il Ferraris era inagibile per lavori di ristrutturazione. Dal momento che i giocatori acquistati in estate per la Serie A non erano tesserabili per la C1, il Genoa scendeva in campo con la Primavera guidata da Torrente in panchina. Dopo pochi secondi dal fischio di inizio esplodeva un petardo, avvisaglia di quello che sarebbe successo nei minuti successivi fino al 21′ quando dalla gradinata dei tifosi genoani pioveva una pioggia di razzi e fumogeni come protesta per la ingiusta sentenza. L’arbitro Dondarini dopo alcuni tentativi di riprendere la partita non poteva fare altro che fischiarne la fine anticipata sullo 0-0. Il giudice sportivo avrebbe poi decretato il 3-0 a  tavolino a favore del Catanzaro e il conseguente passaggio al turno successivo della competizione.

L’altro precedente di Coppa Italia risale al 10 settembre 1972. A Catanzaro si gioca la quinta e ultima giornata del girone D vinto già dall’Inter che quindi ha già ottenuto il pass per il girone del secondo turno. Il Genoa, militante allora in B, ha 3 punti: vittoria sul Lecco per 3-1, pareggio 0-0 nel derby e sconfitta a Milano per 3-1. Il Catanzaro, anch’esso in cadetteria, ne ha invece 4: sconfitta a Milano per 1-0, vittoria sul Lecco per 1-0 e a Genova con la Samp per 2-1. La partita, inutile per la classifica, finisce 2-1 per i calabresi grazie alla doppietta di Rizzo (9′ e 68′) e al momentaneo pareggio di Corradi al 40′.

Considerando i match di campionato a Genova il bilancio dei 17 precedenti (di cui 3 in A) pende dalla parte del Grifone con 8 vittorie, 7 pareggi e 2 sconfitte.

Il primo confronto assoluto tra le due squadre risale all’11 dicembre 1960, 12ª giornata del campionato di Serie B. Risultato finale 1-1 con vantaggio calabrese al 16′ con Susan e pareggio al 35′ del trentacinquenne Pesaola alla sua ultima stagione tra i professionisti e che con i suoi 5 gol contribuì alla difficile salvezza del Genoa partito con 7 punti di penalizzazione inflitti per il tentativo di combine nella stagione precedente.

Francesco Patrone

RIPRODUZIONE DELL’ARTICOLO CONSENTITA SOLO PER ESTRATTO PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE: WWW.PIANETAGENOA1893.NET

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.