Davide rossoblù ridimensiona il Golia Gasperini

Sembrava che l'Atalanta dovesse fare un solo boccone del Genoa, ma i rossoblù hanno contrastato con efficacia gli avversari. Mercato: molti prestiti e niente bomber in doppia cifra

3140
Marco Liguori

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Oggi, miei cari amici genoani da Boccadasse al Mato Grosso, abbiamo visto come il Davide (Nicola) rossoblù abbia ridimensionato il Golia (Gasperini) bergamasco. Subito dopo il fischio d’inizio l’Atalanta si è proiettata in avanti per mangiare in un solo boccone il Genoa: i padroni di casa si sono schierati ad altezza della zona mediana, certi di dominare il gioco e di schiacciare gli avversari nella propria metà campo. E’ arrivato così il vantaggio di Toloi e sembrava che fosse iniziata un’altra goleada dopo quella di Torino. E invece? Il Davide rossoblù ha iniziato a roteare la sua fionda e a colpire il Golia nerazzurro: gioco rapido, l’italico contropiede è andato in scena, fruttando il pareggio dopo soli 7 minuti con Sturaro che si lancia in area e viene falciato da Hateboer ed è rigore. Capitan Criscito lo trasforma e zittisce tutto il Gewiss Stadium (un tempo “Brumana”). Gasperini si infuria con i suoi giocatori per aver trattato con superficialità i rossoblù. Davide non si scompone: prende coraggio e rotea ancor più velocemente la sua fionda e colpisce con forza il malcapitato Golia. Parte un altro contropiede, con il Grifone che controlla le fasce: Sturaro (ancora protagonista) serve Sanabria che di testa infila Gollini. E’ il vantaggio insperato: lo stadio si gela di colpo, ma il settore dei tifosi rossoblù impazzisce di gioia. Golia ha però un sussulto: poco dopo, Zapata s’invola sulla sinistra, mette un pallone al centro per Ilicic che, lasciato colpevolmente senza marcatura dalla difesa genoana, con un tiro a volo che ha battuto Perin.

La ripresa è un po’ meno intensa: Davide e Golia sono stanchi e alla fine pareggiano 2-2. Due “nei” nella più che soddisfacente prestazione genoana: il cartellino giallo a Romero che perde tempo e l’espulsione del generoso Behrami che avrebbe dovuto essere sostituito da Nicola dopo la prima ammonizione. I due giocatori salteranno la sfida col Cagliari di domenica prossima che dovranno vincere a tutti i costi, considerata la vittoria sul tappeto rosso del Lecce sul Torino in caduta libera e che lo ha portato tre punti avanti al Grifone. Ma nulla è perduto: le due trasferte di Firenze e Bergamo, considerate impossibili, hanno portato due punti importanti. Ma ora ne occorrono tre: sarebbero fondamentali, considerato che i salentini giocheranno a Napoli, impegno tutt’altro che semplice. E, a proposito, il Genoa ha però un gran Criscito: in dialetto napoletano, il cognome del capitano significa “lievito madre” alla base di pane, pizza e altre delizie culinarie. Potrebbe anche significare una sua crescita e di tutti i compagni verso la salvezza: i tifosi, che adorano Mimmo, se lo augurano di tutto cuore.

*****

Una breve considerazione sul mercato appena concluso. Il Genoa si è rafforzato in difesa con l’esperto Masiello, oggi molto efficace contro la sua ex squadra, e Soumaoro, sulla carta una vera forza della natura.

Per contro, si nota che sono ben quattro i prestiti Destro, Soumaoro, Perin e Iago Falque, con quest’ultimo da recuperare dopo un periodo di inattività. Ciò significa che già a giugno si dovrebbero ancora acquisire altri giocatori. Manca inoltre un bomber da potenziale doppia cifra: Pinamonti oggi si è mosso bene, ma è lontano (a meno di eventuali esplosioni nelle prossime giornate) dal poterlo diventare. Comunque, come sempre, sarà il terreno di gioco l’unico giudice di quanto svolto nel mercato di gennaio. Passo e chiudo!

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.