Criscito: «Ecco il mio Genoa con i campioni del passato»

«Il modulo della mia squadra ideale? E' il 3-4-3» spiega il capitano a Genoa Channel, spiegando che sta già seguendo il corso da allenatore. «Il capitano? Signorini»

4993
Criscito Genoa
Mimmo Criscito (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«Il modulo del mio Genoa ideale? E’ il 3-4-3». Intervistato da Serena Gualinetti su Genoa Channel, Domenico Criscito ha raccontato la sua formazione da sogno tra tutti i campioni che hanno indossato la maglia del Grifone. «Io allenatore? Sto iniziando il corso, mi porto avanti» risponde anche a una domanda sul suo futuro.

Ed ecco la formazione del capitano.

PORTIERE – «In porta Perin, perché ho visto crescere Mattia e, a parte l’affetto che ho per lui, è un gran portiere. E’ una grande persona, è un numero uno».

DIFESA – «Onofri a destra, perché mi ha scelto: era il responsabile del settore giovanile. Al centro metto Signorini perché è la storia del Genoa. A sinistra arriva l’autostima: mi metto io. E’ una difesa di capitani, ma il vero capitano è Signorini a cui do la fascia di questa squadra».

CENTROCAMPO – «A destra non poteva mancare Marco Rossi. E’ un altro giocatore che ha fatto la storia del Genoa, è stato mio compagno di squadra per cinque anni: abbiamo un rapporto fantastico e insieme abbiamo vinto tanto. Ora che è club manager ha perso un po’ di capelli» sorride Criscito. Prosegue sulla coppia dei centrali: «Ho scelto uno che ha fatto la storia come Ruotolo, che ha avuto più presenze nella storia del Genoa, e accanto ho messo Thiago Motta che come qualità penso che sia uno dei centrocampisti più forti della storia del calcio. A sinistra ho scelto Branco: tutti lo ricordiamo per quel famoso gol su punizione nel derby, come dimenticarselo».

TRIDENTE D’ATTACCO – «Sculli, Milito e Palladino: sono i tre che ci hanno portato in Europa. Ho giocato con tutti e tre, ho inserito qualità e quantità. E’ stata un’annata fantastica: siamo arrivati a pari punti con la Fiorentina al quarto posto, poi solo per gli scontri diretti siamo andati in Europa League. E’ stato un anno strepitoso, speriamo che si possa ripetere presto».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.