Chiappino: «Centrato l’obiettivo salvezza»

Il tecnico della Primavera rossoblù: «È stata un'annata complicata e siamo riusciti a portarla a casa. Ora pensiamo a chiudere al meglio»

1925
Chiappino Genoa Primavera
Luca Chiappino, tecnico della Primavera (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Termina 3-0 la sfida di Primavera 1 tra Genoa ed Ascoli, con i Piceni condannati alla retrocessione. All’uscita dagli spogliatoi, i microfoni di Pianetagenoa1893.net hanno raggiunto il tecnico della Primavera rossoblù, Luca Chiappino.

 

Tre punti d’oro fondamentali per le sorti del campionato. Qual è il suo commento sul match?

 

«Con oggi abbiamo centrato l’obiettivo della salvezza ed il mantenimento della categoria che ovviamente era il nostro obiettivo principale. È stata un’annata complicata e siamo riusciti a portarla a casa. Abbiamo ancora quattro partite che vogliamo giocare al meglio».

 

In una sfida in cui avete sofferto davvero poco, non solo sono saliti in cattedra Kallon e Besaggio, ma Estrella ha finalmente ritrovato il gol.

 

«Il ragazzo non vedeva l’ora, ha avuto un anno difficile nel quale è stato fermo per dodici o tredici partite. Era da un po’ che lo cercava e oggi ce l’ha fatta. E poteva anche farne un altro. L’importante è che stia bene e che si sia ripreso per giocare con i compagni quest’ultima parte di stagione».

 

Ora lo sprint finale con un tour de force non indifferente. Come prepararsi a queste prossime gare?

 

«Noi le affronteremo come fatto per le altre: sapendo di avere qualche difficoltà dopo una stagione difficile e con le energie che ormai sono quelle che sono. Affronteremo tutte le gare con la voglia di vincere. Venerdì abbiamo la sfida con il Sassuolo, una squadra molto forte. Vedremo di fare in modo di fare battaglia e vincere. Vogliamo finire il meglio possibile anche se ci aspettano gare difficili».

 

Mancano ancora alcune partite ma, riprendendo le sue parole di inizio stagione in merito al ritardo nella condizione fisica, si aspettava di compiere un campionato come questo?

 

«Sapevamo di andare incontro a grandi difficoltà, perchè abbiamo iniziato con grande ritardo rispetto alle altre squadre. Abbiamo avuto un po’ di problemi e il nostro obiettivo è sempre stato quello di mantenere la categoria. Abbiamo provato a raggiungere i play-off, ci mancano 5-6 punti, e con quelli saremmo ancora a giocarcela. Adesso è così e va bene. Secondo me abbiamo fatto un campionato dignitoso».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.