Behrami e Sturaro, il Genoa recupera i suoi cavalli vapore

Esperti, vincenti e pugnaci: assieme vantano oltre trecentoventi partite in Serie A e dieci titoli nazionali

1411
Sturaro Behrami Genoa gol
Il Grifone in gol (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Il motore del Genoa recupera i suoi cavalli vapore in vista della partita con il Milan. Behrami e Sturaro, l’anima del centrocampo rossoblù. Esperti, vincenti e pugnaci. Assieme vantano oltre trecentoventi partite in Serie A, dieci titoli nazionali e una riserva infinita di palloni recuperati e azioni interrotte. Il ritorno ad alti livelli dei due centrocampisti è stato un toccasana per il Grifone: Behrami si era accasato in Svizzera, a fianco di sua moglie Lara Gut, mentre Sturaro non giocava continuativamente da oltre un anno. Il Genoa ha creduto in due ragazzi che hanno avuto la forza e l’umiltà di rimettersi in discussione.

Behrami e Sturaro svolgono un ruolo fondamentale negli equilibri di gioco rossoblù. Coprono il campo in lungo e in largo offrendo una chiave di lettura moderna dell’interpretazione del ruolo romantico del mediano, non più solo portatore d’acqua ma anche partecipe della fase offensiva. Sturaro, idolo di casa, ha assorbito dalla Juventus la mentalità vincente e da Allegri l’arguzia di aggredire gli spazi vuoti lasciati dagli attaccanti. Behrami, poi, ha un modo di stare in campo contagioso e coinvolgente per abnegazione e senso tattico della posizione. Sono i guardiani del metronomo Schöne che non a caso è tornato quello di un tempo con questi mastini a fianco.

L’assenza di Sturaro non si è fatta sentire contro la Lazio perché Francesco Cassata, ligure di Sarzana, ha disputato una partita splendida, forse la migliore da quando è un professionista. Behrami ha contrastato Luis Alberto, un compito per nulla agevole ma ben eseguito contro un centrocampista esiziale in questo campionato. Ma contro il Milan tornerà la coppia dei duri Behrami-Sturaro che dovrà dividersi l’onere d’inibire Castillejo e Rebic, i fornitori di Ibrahimovic, in un interessante doppio confronto che lega corsa e tecnica. Il motore del Genoa recupera i suoi cavalli vapore.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.