Ancora un lutto nel calcio: è morto William Negri, giocò sei gare nel Genoa

Arrivò al Grifone nel 1968. E’ ricordato anche come l’ “Eroe del Prater” in occasione nel 1965 di Austria-Italia, dove parò l’impossibile

1153

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Brutto momento per il calcio, e per i suoi Campioni degli anni ‘60 e ‘70.

Dopo Mariolino Corso e Pierino Prati, se n’è andato anche un grande portiere di quegli anni, William Negri, detto “Carburo”, portiere prima del Mantova chiamato “Piccolo Brasile” (c’erano Simoni, Giagnoni, Di Giacomo, Carletto Volpi, Shnellinger, Sormani), poi del Bologna scudettato, in Nazionale ed a fine carriera a Genoa e Vicenza.

E’ ricordato anche come l’ “Eroe del Prater” in occasione nel 1965 di Austria-Italia, dove parò l’impossibile. Non andò poi ai mondiali del 1966 per un grave infortunio. Non si riprese praticamente più. Arrivò al Genoa nel 1968 dove giocò soltanto 6 gare, per poi appendere le scarpette al chiodo; in quell’anno il Grifone alternò tra i pali ben 5 portieri, Negri, Banfi, Grosso, Ugo Rosin e Zamparo.

Nonostante la sua breve militanza rossoblù, i tifosi rossoblu lo ricordano con piacere per la sua simpatia; quando era in campo richiamava i compagni urlando in maniera incredibile, tanto che si ascoltava nitidamente dalla “Nord”.

Le condoglianze di Pianetagenoa1893.net alla famiglia.

Franco Ricciardi

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.