Niente ritiro a Formia per il Genoa

Davide Tizzano, direttore del Centro di Preparazione Olimpica, ha spiegato che saranno in corso i lavori di semina invernale: non può essere dunque disponibile dal 13 al 20 gennaio per il Grifone

189
Il Centro Preparazione olimpica a Formia (foto Formia.coni.it)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Sfuma la possibilità per il Genoa di svolgere un ritiro a Formia dal 13 al 20 gennaio, durante la sosta della serie A. La preparazione del club rossoblù avrebbe dovuto svolgersi presso il Centro di Preparazione Olimpica: ma ciò, come riporta il giornale on line locale Temporeale.info, è stato bloccato dai lavori di semina invernale del prato dello stadio “Nicola Perrone”, intervento concordato con gli agronomi di fiducia del comitato olimpico nazionale. Lo ha confermato il direttore del Cpo, Davide Tizzano, ai microfoni del sito: “Lo scorso 4 novembre sono terminati i lavori di rigenerazione del manto erboso del “Perrone” come programmato annualmente dagli uffici tecnici della Coni Servizi Spa, secondo i più elevati standard previsti dai regolamenti tecnici, essendo il campo utilizzato anche dalle Squadre Nazionali della Figc per raduni collegiali ed allenamenti”. Inoltre Tizzano, due volte campione olimpico di canottaggio, ha anche escluso di aver ricevuto un’email ufficiale da parte del Genoa per l’utilizzo del centro. Inoltre il dirigente ha confermato di “non conoscere, né di aver avuto contatti con il Signor Antonio Miele in relazione all’ attività in questione da lui promossa negli ultimi giorni. Venerdì scorso, intorno alle 10.50, ho sentito la necessità di interpellarlo al telefono per avere spiegazioni in merito alla questione anche non ho mai sottoscritto e tantomeno promesso a lui, qualsivoglia tipo di accordo in merito, sia verbale, sia scritto”. Miele è l’ex direttore sportivo del Formia calcio che, stando a quanto riportato da Temporeale.info, avrebbe cercato di sondare per conto del club rossoblù l’eventuale disponibilità della struttura. Tuttavia, Miele non ha mai dichiarato di aver preso accordi e di aver contattato Tizzano, “ma – questo sì – di aver interloquito, sempre verbalmente, con alcuni collaboratori di Tizzano già nel corso della scorsa settimana quando era trapelata l’indiscrezione su alcuni organi di informazione circa la possibilità – che tale era – che il Genoa effettuasse il ritiro invernale a Formia con tutti i benefici e ricadute di natura promozionale e di immagine.  Miele, indole generosa da sempre, ha sicuramente sbagliato a non comunicare direttamente a Tizzano la volontà del Genoa di avviare un rapporto di collaborazione con Formia ed il suo Cpo “Bruno Zauli” ma avrebbe meritato un diverso comportamento (e risposta) da parte di chi da una settimana gli aveva detto: “Ti faremo sapere il parere dei nostri agronomi circa la disponibilità del manto erboso del Perrone a metà gennaio” conclude il quotidiano on line.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.