Genoa a De Ferrari per “Una Vita da Social”

Genoa e Sampdoria hanno preso parte alla campagna, portando con sé un ragazzo della Primavera

206
(Foto Genoa cfc Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Al fine di educare i giovani ad un uso corretto della rete, si è tenuta in Piazza De Ferrari la tappa genovese di “Una Vita da Social”: una campagna educativa promossa dalla Polizia di Stato, in collaborazione con gli Uffici Scolastici regionali, volta a sensibilizzare sulla grande potenza di questo strumento e sui rischi derivanti da un suo utilizzo sbagliato. All’iniziativa hanno preso parte anche il Genoa e la Sampdoria, entrambe con un ragazzo della propria Primavera. Capitan Bianchi per i rossoblù, Michael Brentan per i blucerchiati. “I social sono entrati nella vita quotidiana di tanti, non solo dei nativi digitali” ha affermato il numero 9 genoano. “Rappresentano uno strumento straordinario di comunicazione. Ho iniziato a 14 anni. Ragazzi, occorre sempre ricordare che un commento negativo, o un’offesa, possono ferire e portare a ripercussioni di cui pentirsi, come succede in tanti casi per il fenomeno del cosiddetto cyberbullismo”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.