Sabatini: “Bruttissima partita, abbiamo concesso troppo. Questa sconfitta deve farci riflettere”

Il tecnico della Primavera rossoblù: "Ora abbiamo il torneo di Viareggio dove vogliamo fare assolutamente una buona figura e già da domani si riparte con l'allenamento e pensiamo al torneo staccando un po' dal campionato"

63
Sabatini
Sabatini (Foto Genoa cfc Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Niente da fare per i ragazzi di mister Sabatini. Non bastano la rete di Bruzzo e il gran gol al volo di Micovschi per permettere al Genoa di portare a casa almeno un punto che avrebbe dato continuità alla striscia di risultati utili consecutivi iniziata con il pareggio casalingo contro il Napoli. Ad Arenzano vince l’Atalanta, con un 2-5 che non rispecchia per niente quello che si è visto in campo. I grifoncini affrontano i primi venti minuti di gioco con grande spirito e con più fame rispetto ai pari età nerazzurri, ma si condannano da soli regalando una punizione che varrà il vantaggio ospite. Da qui inizia un blackout che permette alla formazione ospite di allungare con il capocannoniere dal campionato Barrow e che termina solo nel finale grazie al gol di Bruzzo. La ripresa vede un Genoa desideroso di fare bene davanti al suo pubblico, ed ecco il 2-2 di Micovschi su cross di Candela. Il Grifone è ancora in campo. La Dea bendata, però, favorisce i bergamaschi. Tre sono le chiare occasioni da gol mal sfruttate dal Genoa dopo il pareggio e ancora grida vendetta quel palo preso dal subentrato Salcedo da posizione defilata a pochi passi dalla porta. Alla metà del secondo tempo arriva inesorabile un rigore per la formazione atalantina che Barrow realizza nonostante Rollandi indovini l’angolo. Un colpo dal quale i grifoncini non riescono più a riprendersi. Al termine della partita il tecnico della Primavera rossoblù è stato raggiunto dai microfoni di Pianetagenoa1893.net.

 

“È stata una bruttissima partita. Naturalmente l’Atalanta è più forte di noi. L’ha dimostrato creando di più, ma così è un po’ troppo pesante. Abbiamo fatto bene i primi venti, venticinque minuti, poi abbiamo regalato questa punizione, ci siamo smarriti un attimo e dopo ci siamo ripresi. Abbiamo fatto bene fino al pareggio, bene oltre, poi quel rigore lì è stata un’ingenuità. Bastava temporeggiare e c’ha tagliato le gambe, anche perchè la squadra era diventata più offensiva con l’ingresso di Salcedo ed è chiaro che sui ribaltamenti c’hanno messo in grossa difficoltà. Ci sono state due svolte della partita: il primo gol, regalato e il rigore del 2-3”

 

Sconfitta che fa male soprattutto se si pensa che dopo il 2-2 quasi si sperava in un risultato positivo

 

“Anche se loro iniziavano a riprendere un po’ il pallino e a metterci in difficoltà la partita era apertissima. Noi abbiamo avuto molte opportunità. Era una partita che si poteva pensare di giocarsela alla pari fino all’ultimo minuto. Se si va poi a leggere il 2-5 finale è un risultato che lascia senza dubbio l’amaro in bocca”

 

Come detto il rigore ha senza dubbio tagliato le gambe alla squadra. Dopo aver recuperato uno 0-2 non è facile sanare un altro svantaggio

 

“Contro queste squadre qua era stato già stupendo recuperare uno 0-2 e recuperare ancora una volta è stato davvero problematico. Il rigore c’ha dato la mazzata definitiva. Detto questo, però, bisogna far meglio in fase di non possesso palla. Abbiamo concesso troppo. L’Atalanta è sicuramente una squadra forte che tutte le domeniche ha facilità di andare in gol e hanno grandi capacità di palleggio. Questo lo sapevamo, d’altronde non sono primi per caso.”

 

Un incubo per la retroguardia è stato senza dubbio Barrow

 

“Barrow è un giocatore davvero forte. Ha fatto oltre venti gol e oltre a segnare è uno che fa giocare bene la squadra. Anche all’andata c’aveva messo in forte difficoltà perchè si smarca, riceve, smista. Probabilmente è l’attaccante centrale più completo in questo campionato e lo sta dimostrando con i fatti. Non a caso è stato chiamato anche in prima squadra”

 

Questa pesante sconfitta non deve però far dimenticare tutto il buono che si è fatto finora

 

“Assolutamente. Adesso è dura per l’andamento della partita, perchè poi alla fine poteva anche essere preventivata la sconfitta con l’Atalanta, ma il punteggio finale poteva condizionarci. Questo però non accadrà, perchè abbiamo sempre reagito. Ora abbiamo il torneo di Viareggio dove vogliamo fare assolutamente una buona figura e già da domani si riparte con l’allenamento e pensiamo al torneo staccando un po’ dal campionato. Non abbiamo compromesso niente. Siamo lì e ce la giochiamo. Questa sconfitta ci deve far riflettere ma non deve deprimerci”

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.