Saponara ko, torna dopo la sosta contro l’Atalanta

Andreazzoli deve rinunciare allo squalificato Agudelo oltre che ai lungodegenti Sturaro e Cassata

2051
Saponara Genoa
Riccardo Saponara in azione (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Due uomini in meno per il Genoa e per Aurelio Andreazzoli. Due uomini in meno a centrocampo, reparto rivoluzionato dall’attuale mercato estivo e che l’anno scorso aveva dato grossi problemi al Grifone. Saponara e Kevin Agudelo saltano la Roma con motivazioni differenti. Il colombiano per squalifica maturata con l’Atletico Huila, il trequartista per un infortunio muscolare che lo terrà fuori anche contro la Viola, sua ex squadra. Al momento il Grifone è privo della mezz’ala sinistra, tenuto conto che Lerager dovrebbe essere il titolare sul centrodestra. Schöne, invece, guiderà il reparto mediano rossoblù con personalità e senso tattico contro la Roma.

L’infortunio di Riccardo Saponara è un vero peccato perché ostacola un percorso in crescendo suggellato dal gol in Coppa Italia contro l’Imolese. La costanza del guaio muscolare, di piccola entità e reiterato nel tempo con incredibile puntualità, è il punto debole del centrocampista romagnolo. I tanti, troppi stop ne hanno condizionato l’ascesa: al Milan, apogeo della carriera dopo la consacrazione all’Empoli, saltò addirittura diciannove partite tra il 2013 e 2014. Praticamente un girone intero e Massimiliano Allegri, nei suoi confronti, nutriva una grande considerazione mentre Giampaolo l’anno scorso lo alternava con Gaston Ramirez sulla trequarti.

Saponara rientrerà contro l’Atalanta a metà settembre. La pausa dopo la seconda giornata agevolerà il pieno recupero che non sarà precipitoso altrimenti il rischio di ricaduta aumenterà esponenzialmente. Un ko che sicuramente intralcia i piani tattici di mister Andreazzoli, il quale a partire da oggi preparerà la sfida alla Roma sui nuovi campi del Pio-Signorini di Pegli. Il tecnico del Genoa cercherà l’alternativa in mediana tra Hiljemark, Radovanovic e il polacco Jagiello (ancora distanti i recuperi di Cassata e Sturaro). Va precisato che nessuno di questi tre calciatori possiene caratteristiche tecniche simili a quelle di Saponara, perciò la sua assenza all’Olimpico sarà pesante il doppio.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.