ESCLUSIVA PG, Adailton: “Che emozione i gol sotto la Nord. Ballardini ha portato equilibrio nel Genoa”

Il doppio ex della sfida del Dall'Ara: "Un'altra vittoria su un campo difficile come il Dall’Ara può solo aumentare la fiducia e le certezza per il Grifone"

107
Adailton mentre stringe la mano a Ballardini con Onofri nella visita a Pegli dello scorso 20 febbraio (Foto Genoa cfc Tanopress)
Una stagione con il Genoa culminata con la promozione in A e un sinistro che difficilmente si dimentica. PianetaGenoa1893.net ha contattato Martin Bolzan Adailton, doppio ex della sfida innevata del Dall’Ara. Secondo l’ex attaccante le due difese saranno messe a dura prova e nonostante le assenze di Palacio e Verdi per il grifone sarà una partita tanto difficile quanto importante per confermare il grande momento che sta attraversando.
Il Genoa arriva da un gran momento, con una media punti elevata. La partita di Bologna può rilanciare ulteriormente la squadra di Ballardini?
Il Genoa sta vivendo un momento molto positivo sia di risultati che di gioco, riuscire a portare a casa un’altra vittoria da un campo difficile come il Dall’Ara può solo aumentare la fiducia e le certezza della squadra di Ballardini.
Che insidie e pericoli può portare un campo difficile come il Dall’Ara? Quanto peseranno le assenze di Verdi e Palacio peseranno?
Il Dall’Ara è un campo difficile e il Bologna quando gioca nel suo stadio tende a crescere molto come qualità di gioco. Sarà una partita molto dura e la fase difensiva del Genoa sarà messa a dura prova anche se al Bologna mancheranno due giocatori importanti come Verdi e Palacio. Non dimentichiamoci che il Bologna ha Destro tra le proprie fila che, nonostante non sia riuscito a ripetere le prestazioni che in passato hanno attirato le attenzioni del Milan, rimane sempre un attaccante molto pericoloso. Inoltre ci sarà da stare attenti a Di Francesco, un giovane che a me piace molto. Il Bologna quindi anche senza Palacio e Verdi può portare pericoli al Grifone visto la qualità della sua rosa.
Il Genoa si è rilanciato in campionato e potenzialmente ha a disposizione la carta Giuseppe Rossi. Può essere l’uomo in più per la parte finale di stagione?
Il Genoa ha trovato con Ballardini equilibrio nelle due fasi. Difende molto bene e quando attacca ha grande qualità nei singoli attaccanti e nei suoi esterni, soprattutto con Laxalt. Con questa solidità difensiva e avendo un jolly come Giuseppe Rossi, che per me é un talento assoluto, può giocarsi ogni partita ad armi pari contro tutti.
Ha indossato entrambe le maglie (Genoa e Bologna) che ricordo ha di quelle esperienze?
Ho avuto il piacere di giocare in entrambe le squadre e i ricordi più belli sono le due promozioni. Un anno meraviglioso con il Genoa dove si vinceva e si giocava bene, provavo un’emozione indescrivibile ogni volta che giocavo al Ferraris e in particolare quando segnavo sotto la Nord. A Bologna ho ritrovato la Serie A e vissuto la mia esperienza più bella nella massima serie; sono stati tre anni molto belli.
Durante il periodo genoano ha giocato con Criscito e da un po’ di tempo il suo nome è accostato al Genoa. Un suo ritorno quanto sarebbe importante?
Criscito è un ragazzo fantastico oltre che un giocatore importante e di gran livello, per il Genoa sarebbe un elemento importante dentro e fuori dal campo. I suoi punti forti? Grande qualità, personalità e carisma.
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.