Andreazzoli vuole un Genoa pronto per la Coppa Italia

Debutto ufficiale il 18 agosto in trasferta per i lavori al Ferraris

3912
Andreazzoli
Mister Andreazzoli (Foto Genoa cfc Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Inizia a diradarsi la nebbia attorno all’imminente stagione del Genoa di Andreazzoli, la tredicesima consecutiva in Serie A. Ieri i rossoblù hanno conosciuto il ventaglio di avversari in Coppa Italia: Sambenedettese, Imolese o Juve Stabia. Una di queste tre squadre affronterà il Grifone il prossimo 18 agosto, sicuramente in trasferta a causa dei lavori al Ferraris. Sono club in quota Serie C – perciò nulla di spaventoso – a eccezione degli stabiesi neopromossi in B. Il Genoa dovrà essere pronto per quella data, anche perché la sfida di coppa anticipa di sette giorni il debutto in campionato.

C’è quasi un mese di lavoro da affrontare. Chiuso il capitolo tirolese, la squadra di Andreazzoli volerà domani nel nord della Francia, per il secondo ritiro estivo. Un soggiorno che durerà fino al 4 agosto quando in agenda c’è un’amichevole con il Bordeaux. Spazio e tempo per sfoltire la rosa di qualche elemento e accontentare il tecnico rossoblù con un playmaker di ruolo. Inoltre sarebbe opportuno arrivare al debutto ufficiale con un undici consolidato, con le coppie di tornanti e mezz’ali definite e con una coppia d’attacco di riferimento (Pinamonti-Kouamé al momento) sufficientemente integrata. Condizioni minime e indispensabili per non fare brutta figura su un campo di provincia.

É iniziata una settimana delicata per il Genoa siccome Aurelio Andreazzoli supererà i convenevoli dei primi giorni e inizierà a fare sul serio. A Dinard diventerà embrionale e visibile la proposta di calcio ricercata dall’allenatore massese e ancora latente a Neustift: «Non si è vista, oppure non l’ho vista io…». Il suo gioco è diverso da quello di Gasperini e non punta su risultati da circo come un 4-3. Andreazzoli vuole un Grifone libero di testa, senza freni inibitori, capace di gestire il pallone e, di conseguenza, la partita. A parole è semplice, con i fatti è necessario il tempo.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.