Aureliano per Genoa-Empoli: mai una vittoria per i rossoblù

Terza chiamata in carriera per l'arbitro felsineo con il Genoa fra le protagoniste. Era dal 2016 che non veniva designato in Serie A per gare del Club più antico d'Italia

L'arbitro Aureliano (Foto sito Aia)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

È Gianluca Aureliano, della sezione Aia di Bologna, l’arbitro chiamato per la direzione dell’imminente match fra Genoa ed Empoli. L’avvocato prestato al calcio professionistico, che da pochissimi giorni ha compiuto  42 anni, incontra i rossoblù per la terza volta in carriera. Purtroppo, gli unici due precedenti ascritti negli almanacchi del pallone non arridono al club calcistico più antico d’Italia: due sconfitte, delle quali la prima risale all’ultima giornata di Serie A del 2016, quando il Genoa uscì sconfitto dal proprio campo (avversaria l’Atalanta, 1-2 il finale); l’altra sconfitta, invece, è più recente ed è dello scorso gennaio, con il Genoa perdente – ma con onore – nella Milano rossonera per la gara di Coppa Italia valevole quale “ticket” per accedere al quarto di finale della coppa nazionale (1-1 al termine dei novanta minuti regolamentari; 3-1 dopo gli ulteriori trenta minuti dei supplementari). L’unico gol genoano era stato siglato dal neo “assunto” Leo Skiri Østigård.

Anche sul fronte assistenti di gara e quarto uomo, le designazioni risultano scaramanticamente negative. La “designante” ha deciso di inviare Giovanni Baccini (sezione Aia di Conegliano, Treviso), Niccolò Pagliardini (Arezzo) e Daniele Paterna (Teramo). Mentre con l’arbitro toscano in archivio non risultano precedenti, con gli altri due il Genoa ha registrato solo sconfitte.

In cabina di regia Var andranno a sedere Maurizio Mariani (Aprilia, Latina) e Luca Zufferli (Udine): una sola vittoria, su nove presenze, col primo; un unico pareggio con il secondo.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.