***ARPAL: prolungata sul Centro Levante della Liguria l’allerta meteo gialla per temporali***

Nei bacini delle zone B-C-E il provvedimento durerà fino alle ore 18 di oggi. Confermata la chiusura per le zone A-D

237
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

E’ stata PROLUNGATA l’ALLERTA METEO GIALLA PER TEMPORALI per il centro Levante della regione: dunque nei bacini piccoli e medi delle zone B, C ed E terminerà alle 18 di oggi, giovedì 4 aprile.

CONFERMATA la chiusura alle ore 15 per le zone A e D.

La Liguria è stata interessata, come previsto, da piogge diffuse con episodi temporaleschi forti. Attualmente le precipitazioni insistono sul centro ma in modo particolare sul Levante della regione. Nella notte abbiamo assistito ad innalzamenti repentini ampiamente contenuti in alveo dei corsi d’acqua dell’estremo Ponente (Nervia a Isolabona, Argentina a Merelli e Centa) ma anche del savonese (Bormida a Murialdo) con progressiva veloce discesa. Nelle ultime ore da segnalare l’innalzamento del Magra a seguito delle precipitazioni che hanno interessato in particolare la “testata” del fiume ; si attende il passaggio di una piena ordinaria ampiamente contenuta in alveo nel corso del pomeriggio. In occasione di scrosci d’acqua intensi non si escludono allagamenti localizzati e innalzamenti dei corsi d’acqua minori.

Nelle ultime ore (dati aggiornati alle 11.30) si sono avute precipitazioni generalmente moderate, localmente forti con cumulate di 53.4 millimetri in un’ora a Torriglia (Genova), 41.4 a Piana Battolla-Ponte (La Spezia).  Da segnalare che sul versante toscano del Magra, a Novegigola, nel comune di Tresana (provincia di Massa) sono caduti 72.6 millimetri in un’ora.

Rovesci intensi si sono registrati a La Spezia Fabiano (18 millimetri in 15 minuti), Statale di Né (Genova, 16.6 millimetri sempre in 15 minuti) e Genova Gavette (14.4 ancora in un quarto d’ora). A Montalbano, comune di La Spezia, caduti 8.8 millimetri in 5 minuti.

Nelle ultime 24 ore queste le massime cumulate per provincia: IMPERIA-183.4 mm Triora, 166 Pieve di Teco, 143.6 Passo Ghimbegna, 137 Sella di Gouta, 135 Airole. SAVONA-135.6 Onzo Ponterotto, 109 Osiglia, 107 Calizzano, 92.2 Colle del Melogno, 88 Alto Madonna del Lago. GENOVA-155.6 Torriglia, 88.6 Barbagelata, 87.4 Cabanne di Rezzoaglio, 87 Loco Carchelli, 85.2 Sella Giassina. LA SPEZIA – 100.6 Piana Battolla-Ponte, 85.4 Calice al Cornoviglio, 82.2 Varese Ligure, 81.4 Portovenere, 76.8 Taglieto.

Da segnalare anche il calo termico in corso in particolare con quota con il ritorno della neve nelle cime più elevate dell’entroterra di Ponente e di Levante.

I venti sono ancora tra moderati e forti meridionali con, nella notte, raffiche di burrasca che hanno toccato i 174.2 km/h a Casoni di Suvero (La Spezia) e 159.1 a Fontana Fresca. Per quanto riguarda il mare, alla boa di Capo Mele, risulta molto mosso con altezza massima delle onde che, alle 5.00, ha toccato i 3.44 metri (periodo di picco di 7 secondi).

Ecco l’avviso meteorologico emesso oggi dal Centro Meteo Arpal:

OGGI, GIOVEDI’ 4 APRILE: Fino al tardo pomeriggio/sera precipitazioni anche a carattere di rovescio/temporale con alta probabilità di temporali forti o organizzati su tutte le zone. Fenomeni in successiva lenta attenuazione ma persistono condizioni di bassa probabilità di temporali forti fino a notte con possibili danni puntuali per isolate raffiche di vento o trombe d’aria, grandine e fulmini. Venti di burrasca dai quadranti meridionali, in rotazione con intensità fino a localmente forte dai quadranti settentrionali nella notte. Mare localmente agitato.

 

DOMANI, VENERDI’ 5 APRILE: Residua instabilità nelle prime ore con possibili fenomeni al più moderati. Mare localmente agitato su C.

 

DOPODOMANI, SABATO 6 APRILE: nulla da segnalare.

Ricordiamo la suddivisione in zone del territorio regionale:

A: Lungo la costa da Ventimiglia fino a Noli, l’intera provincia di Imperia, la valle del Centa

B: Lungo la costa da Spotorno a Camogli comprese, Val Polcevera e Alta Val Bisagno

C: Lungo la costa da Portofino fino al confine con la Toscana, tutta la provincia della Spezia, Valfontanabuona e Valle Sturla

D: Valle Stura ed entroterra savonese fino alla Val Bormida

E: Valle Scrivia, Val d’Aveto e Val Trebbia

La Sala Operativa Regionale resterà aperta per tutta la durata dell’allerta.

In caso di eventi intensi, durante l’allerta sarà pubblicato il monitoraggio sul sito www.allertaliguria.gov.it, inviato anche tramite twitter (segui @ARPAL_rischiome).

Sulla pagina www.facebook.com\ArpaLiguria post con immagini, grafici e dati.

Andrea Lazzara – Arpal

(Riceviamo e pubblichiamo)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.