“Io e la mia squadra”: il parere dei tifosi del Genoa per un progetto scientifico

Come la pensano i tifosi di calcio italiani sulla loro squadra del cuore? Qual è la reputazione del club per cui fanno il tifo? C’è qualcosa che potrebbe farli disamorare della loro più grande passione? Un questionario scientifico dell'Università di Catania per misurare la sensibilità dei supporter delle diverse squadre italiane sotto diverse dimensioni

964
Il logo dell'iniziativa dell'Università di Catania

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Tifosi del Genoa a raccolta per collaborare ad uno studio organizzato dall’Università di Catania. Con “Io e la mia squadra” l’ateneo etneo intende studiare il rapporto club-tifosi nel mondo del calcio che conta.
«Come la pensano i tifosi di calcio italiani sulla loro squadra del cuore? Qual è la reputazione del club per cui fanno il tifo? C’è qualcosa che potrebbe farli disamorare della loro più grande passione?» Sono queste le domande che hanno fatto nascere il progetto “Io e la mia squadra“, curato da Marco Di Mauro (giornalista dal cuore rossoazzurro) e che sono rivolte a tutti i tifosi italiani per uno studio che vuole andare al cuore del rapporto col loro club.
La sezione di Ingegneria Economica Gestionale ed Estimativa (Dipartimento di Ingegneria Civile ed Architettura) dell’Università di Catania ha ideato questo progetto, legato ad una tesi di Laurea in Ingegneria Gestionale, che ha come obiettivo lo studio della variazione della reputazione dei club di calcio italiani. Lo studio è realizzato con metodologie scientifiche – non per fini di marketing né per fini di lucro – ed è rivolto agli appassionati di tutte le squadre di Serie A e Serie B.
Il progetto vuole misurare la sensibilità dei tifosi delle diverse squadre italiane sotto diverse dimensioni. A partire da quella più strettamente sportiva, passando per l’etica, fino a misurare l’effetto che hanno avuto o potrebbero avere su di loro degli scandali calcistici. Come partite combinate, accordi sottobanco ed altro episodi dei quali, negli ultimi anni, il calcio italiano ha parlato molto.
Lo studio è sviluppato attraverso un questionario realizzato sul web – per garantirne portata nazionale – consultabile all’indirizzo www.ioelamiasquadra.it. Il sito, come il progetto e il questionario, garantiscono l’assoluta privacy dei partecipanti. I dati verranno analizzati ed incrociati solo per le finalità scientifiche sopra esposte.
I tifosi del club più antico d’Italia sono invitati a dare il massimo apporto per questo studio scientifico, visitando il sito www.ioelamiasquadra.it. e rispondendo alle domande poste.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.