Genoa Club Portuali Voltri: il cuore della Nord non basta

I tifosi hanno ruggito per 95 minuti, la squadra con alcuni interpreti (Biraschi su tutti) ha gettato il cuore oltre l’ostacolo ed ha cercato di vincere la partita, ma i tanti tiri non hanno creato molti problemi all’ottimo portiere del Cagliari

1160
Nord Genoa Allegretti
La gradinata Nord (Foto Genoa cfc Tanopress)
La partita da vincere a tutti i costi finisce con un pari strappato disperatamente coi denti.
La Nord ha ruggito per 95 minuti, il resto dello stadio ha supportato il cuore del tifo rossoblu, la squadra con alcuni interpreti (Biraschi su tutti) ha gettato il cuore oltre l’ostacolo ed ha cercato di vincere la partita, ma i tanti tiri verso la porta avversaria non hanno creato molti problemi all’ottimo portiere del Cagliari, e solo un rigore assegnato dal VAR ed arrivato a seguito di una azione casuale ha portato al gol di Criscito, che così pareggiava il vantaggio sardo siglato dal bravo e rimpianto Pavoletti.
L’1-1 serve solo agli isolani, che così raggiungono la salvezza matematica.
Per il Genoa invece si apre il baratro della Serie B, perché ora è l’Empoli ad essere favorito per la salvezza nonostante abbia un calendario proibitivo, due punti in meno e lo scontro diretto a sfavore.
Ma ha una partita in più, e quindi diventa artefice del proprio destino.
Il Genoa è una squadra davvero povera di qualità, sottoporta è nulla ed in difesa regala sempre almeno un gol in ogni partita.
Le scelte del nostro allenatore non paiono sempre azzeccate, ma Prandelli ha a disposizione una rosa priva di veri attaccanti e ricca di infortunati.
I valori del Genoa rispecchiano fedelmente la classifica che abbiamo, pertanto in una situazione come questa forse (e sottolineo forse) nè Ballardini nè Gasperini sarebbero riusciti a compiere miracoli.Ma il Grifone non è ancora retrocesso, perché Torino ed Inter (che hanno obiettivi europei ancora da raggiungere) devono ancora incrociare gli azzurri toscani, mentre i loro corregionali con la maglia viola (che giocheranno contro di noi l’ultima di campionato) attraversano il loro periodo più difficile da quando i Della Valle possiedono la Fiorentina.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Solo un mese fa, oltre Chievo e Frosinone, la candidata più probabile per la retrocessione sembrava essere una tra Empoli e Bologna, ma entrambe le concorrenti hanno sfoderato uno sprint finale che ha del miracoloso.
Oggi invece la situazione è davvero difficilissima per il Vecchio Balordo, che ha una tifoseria ed una storia che meriterebbe altri scenari.
Ma la squadra e soprattutto la Società sono artefici delle proprie disgrazie, quindi se arriverà la Serie B la discesa sarà l’inevitabile conseguenza delle scarse doti tecniche di chi entra in campo e delle scellerate scelte operate da proprietà e dirigenza rossoblu.

La nomina di un Advisor per la cessione del pacchetto azionario di maggioranza ha consentito il ritorno allo stadio della Tifoseria Organizzata, ma se davvero il Genoa retrocederà e la Società cambierà proprietario potrebbe accadere una beffa atroce per noi sostenitori del Vecchio Balordo: avremo il Genoa in B, mentre due dozzine di milioni di euro sotto forma di “paracadute” andranno a gonfiare le casse dell’attuale azionista di maggioranza.

E voi cosa ne pensate?
Commentate qui sotto, fateci conoscere il vostro parere!

Forza Genoa!

Andrea Moresi – Genoa Club Portuali Voltri

(Riceviamo e pubblichiamo)

🔴🔵

Se vi piace ciò che facciamo suggerite ai vostri amici di seguirci e di rimanere sempre aggiornati mettendo il classico Like sulla nostra pagina, raggiungibile su
http://www.facebook.com/gcportualivoltri

IL CUORE DELLA NORD NON BASTALa partita da vincere a tutti i costi finisce con un pari strappato disperatamente coi…

Publiée par Genoa Club Portuali Voltri sur Samedi 18 mai 2019

Accetta i statistics, marketing per visualizzare questo contenuto.

 

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.