William Anselmo: «Preziosi coinvolto nell’acquisto del Palermo? E’ prematuro parlarne»

«C'è anche una cordata americana interessata al club rosanero». Il direttore di Mediagol aggiunge su Primocanale: «Il presidente del Genoa potrebbe anche non essere coinvolto direttamente, ma ad esempio presentare qualcuno»

1835
Preziosi Genoa
Il presidente del Genoa Enrico Preziosi (foto Genoa cfc Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«Anche a Palermo ci sono state le smentite del caso. Il presidente Preziosi è stato inserito riguardo al Palermo per via dei rapporti con alcune persone che stanno trattando l’acquisizione del club. Quest’ultimo è attualmente nelle mani di Rino Foschi». William Anselmo, direttore di Mediagol.it, ha parlato in collegamento telefonico con “We are Genoa” in onda su Primocanale del presunto coinvolgimento del presidente del Genoa nell’acquisto del Palermo. Le indiscrezioni sono partite nei giorni scorsi dai giornali siciliani. Anselmo spiega: «Anche se in questo momento ci sono state le smentite di rito, le persone parte in causa diciamo che sotto banco hanno anche accennato a questo tipo di interesse».

C’è una cordata americana, ma la cordata a cui parteciperebbe Preziosi sarebbe pronta a intervenire. «La priorità per il Palermo era evitare i punti di penalizzazione: sostanzialmente mancava qualcuno che pagasse gli stipendi. L’ultimo giorno utile per il bonifico si sono trovati, grazie all’iniziativa di questo grande imprenditore siciliano (NDR: Mirri) i 2,8 milioni versati in banca per evitare la penalizzazione. E’ stata siglata contestualmente una clausola con questo imprenditore di portare entro il prossimo mese una proposta per l’acquisizione del Palermo. Naturalmente bisognerà capire come si evolverà la situazione: Mirri non ha, e lo ha detto più volte, le possibilità economiche per portare avanti un discorso più impegnativo. Lo stesso problema degli stipendi si riproporrà nei prossimi mesi».

Dunque le smentite sono soltanto di facciata? «C’è una regola che impedisce ai presidenti di possedere una società nella stessa serie. Questa norma sicuramente sarà rispettata. Il fatto che ci sia un imprenditore serio come Preziosi può andare a influire su altre cose. Magari non sarà direttamente Preziosi a finanziarie o partecipare direttamente, ma potrebbe dare una collaborazione diversa: ad esempio presentando qualcuno. In questo momento è prematuro comunque parlarne, poiché c’è anche questa cordata americana».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.