Un punto d’oro per il Genoa sotto il Vesuvio

Prestazione più che convincente contro una grande in crisi di risultati, ma non di gioco. Pinamonti, centrocampista aggiunto, mossa importante. A Ferrara si attenderà la controprova contro la Spal, diretta concorrente per la salvezza

1530
Marco Liguori
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Con una gara prudente, il Genoa ha conquistato un punto su un campo molto difficile contro il Napoli in crisi di risultati ma non di gioco. È un risultato molto importante, miei cari amici genoani da Boccadasse al Mato Grosso, ottenuto da Thiago Motta nel modo più semplice: non commettendo errori, al contrario di quanto fatto con l’Udinese. Innanzitutto ha schierato la squadra con un 4-3-2-1 stretto: dopo i primi 10-15 minuti di iniziale sbandamento, dovuti anche al forcing del Napoli, il Grifone si è rimesso in carreggiata. Baricentro basso, come dimostrato dal possesso palla delle statistiche di Lega A: il Genoa ha ottenuto il 55% (Napoli 45%), ma il 70% è stato trascorso nella propria metà campo. Efficace il giro palla (475 passaggi riusciti contro 339 avversari) e l’interdizione rossoblù (85 recuperi contro 41): in quest’ultima graduatoria spiccano ben quattro genoani (Lerager al primo posto, Pinamonti, Zapata e Ankersen) e un solo azzurro (Koulibaly). Non solo. Pinamonti è stato autore di una partita di corsa e sacrificio, quasi da centrocampista aggiunto: ha corso quasi quanto Schöne con 11,288 km contro gli 11,514 del regista danese. Se avesse centrato la porta nella ripresa, sarebbe stato insignito del titolo di “el hombre del partido”: ma Koulibaly ha sventato con tempismo l’occasione. Pazienza, l’appuntamento con un gol decisivo è soltanto rimandato.

E a proposito di occasioni da gol, il Napoli non è stato a guardare ma neanche il Genoa: 7 contro 5. Ma c’è un dato che svela la gran serata di Radu che ha sventato una serie cospicua di minacce: sette parate, di cui quattro decisive, contro una sola di Ospina. Tirando le somme, il punto conquistato dai rossoblù è importante, contro un avversario forte, nonostante i suoi problemi (soprattutto extra campo): vale dunque tanto oro quanto pesa e servirà moltissimo nella lotta per la salvezza.

Dunque il Genoa ha sfoderato due prestazioni di livello con due grandi della serie A come Juventus (ma senza ottenere punti, non per colpa propria com’è ampiamente noto) e Napoli. Dopo la sosta per le nazionali, Thiago Motta sarà chiamato a una controprova a Ferrara contro la Spal: significa che dovrà dimostrare di saper conquistare punti contro una diretta concorrente. E se confermerà di aver compreso, come ha dimostrato ieri sera al San Paolo, gli errori commessi contro l’Udinese e di averli spazzati via, è molto probabile che superi anche questa prova che è quella più importante. Passo e chiudo!

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.