Torneo Spensley, Sonnati a PG: “Quando un giovane Modric partecipò scalzo…”

L'attuale centrocampista del Real Madrid prese parte al torneo rossoblù senza avere nessun indumento tecnico a disposizione. Martedì la presentazione della manifestazione al Museo del Genoa

1517
Torneo Spensley
La medaglia del Torneo Spensley (foto di Luca Sonnati)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Nozze d’argento per il Torneo Spensley. La venticinquesima edizione del torneo internazionale giovanile intitolato al padre fondatore del Genoa, sir James Spensley, nonché Memorial Giuseppe Piccardo, Franco Salvo e “Pippo” Spagnolo, sarà tenuto dal 6 al 9 settembre prossimo. Luca Sonnati, membro del comitato organizzativo, spiega in esclusiva a Pianetagenoa1893.net: «La formula non cambia rispetto al passato. Sedici squadre si affronteranno sui campi di Ceriale e di Ligorna in tre giorni, la finale si giocherà domenica. L’attuale edizione ospiterà anche i gallesi del Mumbles Rangers Boys».

Formula che vince non si cambia, quindi. Avanti con i giovani calciatori genovesi e non, leva 2005, che si affronteranno in una competizione storica e stimolante. Ci sarà anche il Genoa, ovviamente, assieme alle compagini dell’Albissola, Arenzano, Athletic Club, ASD Genova Calcio, Baiardo, Campomorone-Sant’Olcese, Ceriale, ASD James, Lavagnese, Ligorna, Molassana Boero, Polisportiva Pieve Ligure, Savona e Sestrese. La direzione del Torneo Spensley resta nelle mani di Fabio Salvo, presidente del comitato e figlio del fondatore, Ennio Valle e Carlo Morando.

Sonnati aggiunge: «Il torneo di quest’anno avrà un senso ancora più profondo, non solo per il 125º anniversario della fondazione del Genoa. Mi riferisco soprattutto ai fatti di Ponte Morandi. Sicuramente saranno commemorate le quarantatré vittime della tragedia».

Il Torneo Spensley ha ospitato calciatori noti come Pietro Pellegri ed El Shaarawy. Ma uno, su tutti, è passato alla storia. «Si tratta di Luka Modric – rivela Sonnati – il croato partecipò scalzo e senza maglia poiché proveniva da un paese in guerra. Era povero. Un ragazzo di Genova gli comprò le scarpe e gli indumenti per giocare: fu un gesto bellissimo che ricordo con molto piacere».

Modric Torneo Spensley
A sinistra, un biondo Luka Modric premiato con la medaglia del Torneo Spensley (foto di Luca Sonnati)

Alessandro Legnazzi

RIPRODUZIONE DELL’ARTICOLO CONSENTITA SOLO PER ESTRATTO PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE: WWW.PIANETAGENOA1893.NET

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.