Primocanale – L'”eterno” Pandev anima il Genoa, ora assalto al Ferraris per i punti salvezza

Giovanni Porcella: «Impossibile fare tabelle, ma se uscissero quattro o cinque punti potrebbero sommarsi altri mattoncini dal muro che separa il Grifone dal Lecce»

1341
Pandev Genoa
Pandev scocca il tiro del 2-1 in Udinese Genoa (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

All’ultimo affanno il Genoa trova un punto a Udine che vale più per il morale che per la classifica. Il rabbioso abbraccio di Nicola a Biraschi e compagni dopo il rigore realizzato non senza conseguenze per il cuore dei tifosi, da Pinamonti ha fatto capire quale tipo di incubo la squadra stesse patendo. Sulla prestazione meglio soprassedere, ma dal punto di vista nervoso l’encefalogramma non è piatto. Pandev ha acceso la luce con un gran gol, Goldaniga nella ripresa ha riscattato una serie di errori compreso quello sul gol subito da Fofana che ha permesso ai rossoblu’ di non affondare dopo il raddoppio di Lasagna. E poi il fallo in area che si è conquistato Biraschi, episodio decisivo per il 2-2 finale in rimonta. Tutte istantanee di un match quasi drammatico sebbene il campionato sia ancora lungo un mese.

Eppure portarsi a due punti dal Lecce è una piccola conquista che alla fine potrebbe contare nella graduatoria finale. Il portiere Mattia Perin non ha dubbi: “Abbiamo dimostrato di avere carattere”. In effetti soprattutto fuori casa stanno arrivando risultati importanti grazie alla voglia di non mollare mai. Ora, prima dello scontro diretto al Ferraris con il Lecce tra partite dal peso specifico notevole. Si comincia mercoledì sera col Napoli, poi domenica ancora in casa con la Spal e infine il viaggio a Torino contro i granata. Impossibile fare tabelle, ma se uscissero quattro o cinque punti potrebbero sommarsi altri mattoncini dal muro che separa il Grifone dai pugliesi. Di sicuro il segnale arriva dai senatori, su tutti Pandev. Il macedone con un guizzo improvviso ha riportato la fiducia a Udine. Ottavo gol per lui, l’eterno come lo chiama il presidente Preziosi che potrebbe allungargli il contratto anche per la prossima stagione se sarà ancora in serie A. Ma è tutta la formazione che almeno nella ripresa ha lottato e nel finale ha trovato anche la sua anima. Ora non resta che riconquistare Marassi visto che da tempo il Genoa non fa punti nel suo stadio. E questo avveniva anche prima del Coronavirus.

Giovanni Porcella – Tratto da Primocanale

CLICCA QUI PER COMMENTARE SUL SITO DI PRIMOCANALE

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.