Perin: «Coltiviamo il seme delle sorpresa. Ho ricevuto attacchi insignificanti»

«Faccio un plauso alla società e ai dottori, sono stati strepitosi» spiega il portiere del Genoa

3637
Perin Genoa
Mattia Perin (foto di Genoa CFC Tanopress)

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Intervenuto a Sky, al termine di Hellas Verona-Genoa 0-0, Mattia Perin ha rilasciato alcune dichiarazioni: «Il pareggio di stasera ha un solo nome: “squadra”. Abbiamo passato un periodo difficilissimo ma ci siamo tolti ogni alibi, vogliamo migliorare la scorsa stagione con il lavoro giornaliero e senza fare voli pindarici. Dentro di noi deve nascere il seme della sorpresa».

Sul momento personale, Perin ha gli occhi lucidi: «Ho ricevuto degli attacchi insignificanti, il Covid-19 è una malattia subdola perché non sai dove la prendi. Mi hanno dato fastidio i soliti cliché nei miei confronti: non sono superficiale e disattento. Il Genoa, assieme ai dottori Gatto e Stellatelli, non ci ha fatto mancare niente: sono stati strepitosi».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.