Massimo Ferrante: “Voglio spiegare a Salvini dove si trova il Ferraris”

"Gli farei capire cosa vuol dire uno stadio in centro città" ha spiegato il presidente del Municipio della Bassa Valbisagno a Telenord

1873
Ferraris Marassi stadio Genova Genoa
Stadio Luigi Ferraris

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

“Se potessi parlare con il ministro dell’Interno Matteo Salvini, gli spiegherei dov’è lo stadio di Genova e cosa vuol dire avere uno stadio in centro città. Gli spiegherei cosa vuol dire prendere decisioni di questo tipo senza calarle nella vita dei cittadini”. Massimo Ferrante, presidente del Municipio della Bassa Valbisagno, ha ribadito ai microfoni di Telenord la sua contrarietà all’orario delle 15 di lunedì per Genoa-Milan. “Anzi, più che parlargli, lo accompagnerei in corso Sardegna, corso De Stefanis, via del Piano e lo farei parlare con i commercianti o residenti”.

Per Ferrante la gara va riportata all’orario iniziale delle 21 perché “la decisione di anticiparlo alle 15 è stata presa senza consultare gli enti locali”. Il presidente del Municipi critica Regione e Comune “giudicati troppo timidi” nei confronti della decisione dell’Osservatorio nazionale delle manifestazioni sportive. Ferrante: “Secondo me i margini per rivedere la decisione ci sono ancora: bisogna capire il disagio che provano i cittadini. Parliamo di 80mila persone che si ritrovano il lunedì alle 15, in piena giornata lavorativa, con una partita a rischio, con le istituzioni scolastiche che si devono piegare alle decisioni calcisitiche, facendo uscire anticipatamente, alle 12, i ragazzi delle scuole vicine allo stadio”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.