ESCLUSIVA PG, GRESPIGNA spiega i fondi nel calcio: «Hanno un dna preciso, con pregi e difetti»

«Preziosi può restare come consulente senza potere decisionale» spiega il manager genoano

4208

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Intervenuto durante “Il Salotto del Grifone”, in onda su Pianetagenoa1893.net al termine di Bologna-Genoa, il manager genoano Marco Grespigna spiega il modus operandi dei fondi nel calcio: «L’arrivo dei fondi d’investimento, con i quali ho lavorato oltre vent’anni anni nella mia carriera, porta lati positivi e negativi. Ciascun fondo ha aree d’interessi specifici dove sono estremamente esperti poiché raccolgono i capitali di privati facoltosi ed aziende, pubbliche e private, per investirli e per ottenere un ritorno economico».

La storia del Genoa è al punto di svolta: dopo diciotto anni Enrico Preziosi venderà il club più antico d’Italia al fondo internazionale 777partners. «Che ruolo avrà Preziosi? Presumo che lui stesso possa rimanere come advisor, dunque come consulente, senza un preciso potere decisionale. Anche a me in passato è capitato e misi a disposizione degli acquirenti la mia esperienza e le mie competenze per svilupparne il valore degli asset. Il sistema-fondo è orientato al raggiungimento del risultato e alla profittabilità dell’azienda: il Genoa ha un potenziale enorme» spiega Grespigna a Pianetagenoa1893.net. Se prendiamo come esempio il gruppo Elliott nel Milan, il fondo acquirente dovrà, in prima istanza, risanare finanziariamente il Genoa e creare un solido gruppo di lavoro composto, da un lato, da professionisti manageriali e, dall’altro, da pratici del calcio che conoscano l’ambiente genoano. Non a caso hanno affiancato a Gazidis, il loro uomo, anche due uomini di calcio come Maldini e Massara.

Grespigna aggiunge sul Genoa femminile, il cui sponsor è Welcare che lo vede nelle vesti di socio e membro del cda, quasi ai nastri di partenza: «É un progetto molto divertente e ricco di passione che merita attenzione da parte dei tifosi del Genoa, anche con un semplice messaggio social alle ragazze. L’anno scorso sono arrivate seconde in Serie C, quest’anno la squadra di mister Oneto è stata rinforzata e la partenza in Coppa Italia è andata per il meglio con cinque gol allo Spezia. Debutteranno in campionato al Gambino di Arenzano domenica 10 ottobre, contro il Perugia».

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.