Destro e Caicedo sono due attaccanti doc: ma Ballardini argini la difesa colabrodo

Il reparto arretrato incassa troppi gol: occorre una vittoria contro lo Spezia per rilanciare il Genoa in classifica

3300
Sirianni Preziosi
Vittorio Sirianni

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

All’inizio di stagione si diceva che finalmente Ballardini, partendo sin dalla prima giornata di campionato col Genoa, dunque dagli allenamenti estivi svolti come Dio comanda, avrebbe fatto valere la sua abilità, visto che quando prendeva le squadre a metà campionato le cose andavano bene. Dunque si pensava che, avendo a disposizione tutta la squadra dall’inizio, tutto sarebbe andato per il meglio. Oggi leggiamo che il Balla non è in grado di prendere una squadra dall’inizio, ma lui ama salvare le formazioni a metà percorso.
Insomma, sul tecnico ci sono sempre curiose valutazioni: il fatto concreto è però che i punti sono sempre 6, i gol subiti nel primo tempo sono sempre 2, con il povero Sirigu che non sa più che fare, lui portiere da nazionale con una difesa da categoria inferiore. E’ vero, il Genoa ha avuto più occasioni del Torino, ma i risultati quali sono stati? La prima parte di gara sempre regalata agli avversari, poi la riscossa generosa e commovente, ma assolutamente tardiva.

Destro Genoa
Mattia Destro in gol (foto di Genoa CFC Tanopress)

Ed è anche vero che questi maledetti infortuni hanno bloccato, oltre al centrocampista Hernani, anche ben tre difensori: Maksimovic, Vanheusden e Bani.
Non sappiamo cosa stanno pensando al riguardo i nuovi proprietari americani, oltre ad aver versato 15 milioni per coprire certi debiti.
Ed è già un dato positivo che i circa 600 tifosi che hanno seguito il Grifone a Torino non si sia arrabbiati, pensando sicuramente che adesso con 777 Partners le cose dovrebbero andare meglio.
Adesso c’è alle porte la trasferta con lo Spezia dell’ex rossoblù Thiago Motta, che ha perso con la Sampdoria e vuole rifarsi con il Genoa. Poi arriverà il Venezia al Ferraris, e l’Empoli che ha rifilato quattro pere a domicilio alla Salernitana.
Una buona notizia, almeno una, è che il duo Destro-Caicedo sembra funzionare: si vede che sono due veri bomber, con il fiuto del gol. Ma loro due non bastano, se la difesa incassa troppi gol: i loro sforzi finiscono, ahimé, nel cestino.
Si dice che le prossime tre partite, contro altrettante avversarie per la salvezza, sono “da ultima spiaggia” per il Genoa: ai tifosi non resta che sperare in meglio.
Vittorio Sirianni

Caicedo Genoa
Felipe Caicedo in gol (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.