Correva l’anno 1908: l’8 marzo Daniel Hug fa il suo esordio nella Svizzera

Dopo quella partita contro la Francia, il giocatore passerà al Genoa e diventerà probabilmente il primo giocatore nella storia del Grifo ad essere stato il titolare di una squadra nazionale

372
Ginevra, 8 marzo 1908, la formazione della nazionale svizzera (in maglia chiara) che ha affrontato la Francia. Risultato: Svizzera-Francia 1-2. Daniel Hug è il primo in basso a destra  Gli ultimi due in piedi a destra sono invece Lang e Kämpfer. Georges Lang nel 1909 diventerà un giocatore del Torino mentre Hans Kämpfer aveva fatto parte dei granata torinesi nella stagione precedente. La foto in realtà è una cartolina celebrativa dell’evento

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Daniel Hug, ai tempi capitano del Basilea, di lì a poco passerà al Genoa e diventerà probabilmente il primo giocatore nella storia del Grifo ad essere stato il titolare di una squadra nazionale.

L’esordio di Hug l’8 marzo del 1908, a Ginevra, contro la Francia, fu seguito da un secondo match, giocato nell’aprile dello stesso anno, contro la Germania.

Poco tempo dopo, come dicevo questo calciatore svizzero si trasferì  al Genoa. Nel nostro club Hug fu non solo giocatore, ma anche allenatore. D’altra parte, considerato che il Basilea è stato fondato nel 1893 ed ha la maglia rossoblù e che il Genoa, fondato anch’esso lo stesso anno, ha la divisa dello stesso colore, si può ipotizzare che Hug non abbia sofferto troppo il passaggio dal club elvetico a quello italiano.

Sfortunatamente per lui, Hug soffrì invece di un grave infortunio, una frattura alla gamba, verificatasi in occasione di una nostra semifinale in cui aveva segnato due gol. Fu, questo, un infortunio che l’obbligherà a mettere fine alla sua carriera. Ma prima di appendere le scarpe al chiodo, lo svizzero ebbe modo comunque di essere protagonista di un altro mitico incontro di quel mitico periodo storico: la prima partita tra Genoa e Inter, nella storia dei due club, finita con il risultato di 10 a 2 per genovesi.

Quel match sarà vinto dai rossoblù grazie all’apporto decisivo degli svizzeri del Genoa, con cinque gol di Hermann, due di Giroud, uno di Herzog, e uno proprio di Hug che, terminata la sua carriera agonistica, decise di restare nel club genovese in qualità di dirigente.

Più in generale, credo sia giusto sottolineare che Daniel Hug era veramente un giocatore di grande livello. Nel 1907 aveva giocato col suo Basilea a Milano, contro i rossoneri, e la sua prestazione non era sfuggita ai cronisti. Ecco come ne parlava la Gazzetta dello Sport all’indomani di un duplice incontro:

Milano 31 marzo 1907, Milan – Basilea 2-4 ; Milano 1 aprile 1907,  Milan – Basilea 3-4 

La Gazzetta dello Sport, 2 aprile 1907.

Football. Amichevole italo-svizzera a Milano.

Come risultato finanziario il Milan Club deve essere soddisfatto; ed infatti, in entrambi i giorni, numeroso ed elegante era il pubblico che affollava la tribuna [..] In quanto al risultato morale, anche in questo caso, il Milan non può che essere soddisfatto: due sconfitte, ma due sconfitte onorevoli.

Il F.C. Basilea che per la seconda volta scende tra noi, si è mostrato veramente degno della sua fama. Per quanto, questa volta, la sua superiorità non sia stata schiacciante come l’anno scorso; a ciò ha contribuito l’assenza di un loro buon elemento e la buona forma della squadra del Milan Club, che pure ha svolto un gioco corretto, elegante, armonioso.

L’affiatamento di questa squadra è veramente ammirevole. La disciplina di tutti i giocatori, requisito che assolutamente manca ancora nelle squadre italiane, è superiore ad ogni economia: immaginatevi 10 giocatori che ubbidiscono al loro capitano, quando hanno bisogno di un’osservazione, come tanti soldati [..]

[..] ammiratissimi tra gli svizzeri sono l’Hug, capitano della squadra, dal gioco calmo, elegante e compassato, il Dottor Thalmann, veloce quanto mai, che per la sua agilità ricorda i nostri Recalcati di Milano e Donna di Torino, ed il centro-forward Burgeois, di una forza e di una velocità eccezionali [..] Il match termina con la vittoria del F.C. Basilea per 4 goal contro i 3 fatti dal Milan. Il pubblico, che si è vivamente interessato, ha mostrato il suo caloroso compiacimento per il bel match fornito dalle due squadre, applaudendo freneticamente i giocatori al finire di entrambe le riprese.

Basilea, 5 aprile 1908. la formazione della nazionale svizzera (in maglia scudocrociata) che ha affrontato la Germania. Risultato Svizzera-Germania 5-3. Daniel Hug è il primo in alto a destra

Massimo Prati: classe 1963, genovese e genoano, laureato alla Facoltà di Lingue e Letterature Straniere di Genova, con il massimo dei voti. Specializzazione in Scienze dell’Informazione e della Comunicazione Sociale e Interculturale.

Vive in Svizzera dal 2004, dove lavora come insegnante. Autore di un racconto, “Nella Tana del Nemico”, inserito nella raccolta dal titolo, “Sotto il Segno del Grifone”, pubblicata nel 2004 dalla casa editrice Fratelli Frilli; di un libro intitolato “I Racconti del Grifo. Quando parlare del Genoa è come parlare di Genova”, edito nel 2017 dalla Nuova Editrice Genovese; di un lavoro sulla storia del calcio intitolato “Gli Svizzeri Pionieri del Football Italiano”, Urbone Publishing, 2019; di una ricerca storica dal titolo “Rivoluzione Inglese. Paradigma della Modernità”, Mimesis Edizioni, 2020; della seconda edizione de “I Racconti del Grifo. Quando parlare del Genoa è come parlare di Genova”, Urbone Publishing, 2020. Infine, coautore, con Emmanuel Bonato, del libro di didattica della lingua italiana, “Imbarco Immediato”, Fanalex Publishing, Ginevra, 2021.

È anche autore di numerosi articoli, di carattere sportivo, storico o culturale, pubblicati su differenti blog, siti, riviste e giornali. Collabora con “Pianetagenoa1893” e “GliEroidelCalcio”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.