Buffa racconta a teatro l’incontro tra Gigi Riva e De André: “Amici Fragili”

Al momento solo date in Sardegna a dicembre e tre in estate nel nord Italia

3594
Buffa

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

Si intitola “Amici Fragili” il nuovo lavoro teatrale di Federico Buffa, narratore milanese d’origine genovese (suo padre era un fervente genoano, prima di conoscere la sua futura moglie milanista), basato sullo storico e unico incontro avvenuto tra Gigi Riva e Fabrizio De André, nel lontano 1969.

“Amici Fragili” debutterà al Teatro Massimo di Cagliari dall’1 al 5 dicembre 2021 e sarà preceduto da un’anteprima a Sassari il 30 novembre al Teatro Verdi, date organizzate da CEDAC Sardegna/Circuito multidisciplinare spettacolo dal vivo. Lo spettacolo avrà anche tre anteprime estive: giovedì 8 luglio a Milano Marittima (Arena dello Stadio dei Pini) nell’ambito del Ravenna Festival, domenica 25 luglio a Villafranca di Verona (Castello Scaligero) nell’ambito del Villafranca Festival e martedì 27 luglio a Venaria Reale (Reggia di Venaria) per la rassegna estiva organizzata da Piemonte dal Vivo.

Il cantautore Fabrizio De André incontrò Gigi Riva, “Rombo di Tuono” come lo soprannominò Gianni Brera, dopo che il Cagliari esordì in campionato a Genova,il 14 settembre 1969 nell’anno dello storico scudetto. Il silenziò caratterizzò la prima parte dell’incontro tra i due artisti, uniti dalla Sardegna e dal suo popolo, dal mare, dai colori, il rosso e il blu, uno del Cagliari, l’altro del Genoa, dal pubblico che li segue religiosamente, dal calcio e dalle canzoni. Il brano di De André preferito da Riva è la struggente “Preghiera in Gennaio”, che Fabrizio scrisse di ritorno dal funerale dell’amico Luigi Tenco, tragicamente scomparso due anni prima al Festival di Sanremo ’67.

La produzione di “Amici Fragili” è di International Music and Arts, i testi sono scritti da Federico Buffa e Marco Caronna, anche lui sul palco cagliaritano (chitarre, voci, percussioni) assieme ad Alessandro Nidi (pianoforte e tastiere). Cameo speciale di Paolo Fresu, trombettista originario di Berchidda, con la sua versione dell’emozionante brano sardo “No potho reposare”.

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.