Ballardini: «Tornare al Genoa? Non c’è feeling tra me e Preziosi»

L'ex tecnico rossoblù a Tmw: «Non ci sono le condizioni poiché non c'è sintonia». E rivela di essere stato richiamato lo scorso anno dal presidente

9064
Ballardini
Mister Ballardini (foto di Genoa CFC Tanopress)
Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.

«Si, eravamo ancora sotto contratto. Ma ha prevalso il buonsenso da entrambe le parti». Davide Ballardini, ex tecnico del Genoa, ha spiegato in un’intervista a Tuttomercatoweb.com di essere stato richiamato lo scorso anno da Enrico Preziosi, ma non se n’è fatto nulla. L’allenatore ha escluso un suo ritorno sulla panchina rossoblù: «Penso che non ci siano le condizioni perché come detto non c’è sintonia. Non c’è feeling tra me e la proprietà».

Ballardini spiega i motivi del suo esonero dal Genoa, nonostante il rendimento soddisfacente: «Sette partite, dodici punti. Abbiamo fatto di seguito trentacinque partite ufficiali e realizzato cinquantatré punti. Credo che sia stato fatto un lavoro straordinario per la realtà del Genoa dell’ultimo periodo considerata la media punti della squadra prima e dopo e di noi. Comunque saremo sempre grati al presidente del Genoa perché ci ha fatto lavorare in una città e in una società che da delle emozioni straordinariamente forti. Ma vale quanto detto prima: se non c’è sintonia è giusto che le strade si separino. Con la proprietà ci siamo sempre sentiti molto poco e visti meno, probabilmente non c’è mai stata una grande sintonia. Mentre il feeling c’era con la squadra e con chi la amava»

Accetta i marketing-cookies per visualizzare questo contenuto.